Feb 13

Il significato della compassione

Il significato della compassione

Vorrei spiegare il significato della compassione, che è spesso mal compreso. La vera compassione non si basa sulle nostre proiezioni e aspettative, ma, piuttosto, sui diritti dell’altro: indipendentemente dal fatto che l’altra persona sia un amico intimo o un nemico, nella misura in cui detta persona vuole pace e felicità e vuole evitare la sofferenza, su questa base possiamo sviluppare una genuina preoccupazione per i suoi problemi.

Questa è la vera compassione. Di solito, quando siamo interessati alla sorte di un amico intimo, chiamiamo quest’interesse “compassione“; ma non è compassione, è attaccamento.

Anche nel matrimonio, in quei matrimoni che durano poco, ciò avviene a causa dell’attaccamento.

I matrimoni durano poco a causa della mancanza di compassione; c’è solo attaccamento emotivo, basato sulle proiezioni e sulle aspettative.

Se l’unico legame fra amici intimi è l’attaccamento, allora anche un’inezia può indurre un mutamento delle proiezioni. Non appena le proiezioni cambiano, l’attaccamento scompare, perché quell’attaccamento era basato solo sulle proiezioni e sulle aspettative.

È possibile avere compassione senza attaccamento e, similmente, provare rabbia senza odio. Di conseguenza dobbiamo chiarire le distinzioni fra compassione e attaccamento e fra rabbia e odio.

Tale chiarezza ci è utile nella vita quotidiana e nell’impegno per la pace nel mondo. Ritengo che questi siano i valori spirituali di base per la felicità di tutti gli esseri umani, che siano credenti o meno.

Di Tenzin Gyatzo, XIV Dalai Lama.

Contenuti consigliati

Non Sprecare Questa Vita
L’essenza di tutta la vita spirituale sono le vostre emozioni

Buono

Perchè si può Cambiare il Mondo
Conversazioni con Fabien Ouaki
Il Nostro Bisogno d'Amore
Conosci Te Stesso
L'Arte della Felicità

Buono

Emozioni Distruttive
Liberarsi dai tre veleni della mente: rabbia, desiderio e illusione

Contenuti video



Scrivi la tua opinione