Giu 18

Io ho ragione, tu hai torto

Io ho ragione, tu hai torto

Ci piace avere ragione. Ci piace dimostrare che la nostra posizione, le nostre idee, il nostro gusto è migliore di quello altrui. “Io ho ragione, tu hai torto“. Spesso questa frase, o altre simili, ci fanno in qualche modo sentire superiori. Perché noi siamo più bravi, più intelligenti, più perspicaci; mentre gli altri, poveretti, non ci arrivano. O arrivano in ritardo.

Voler primeggiare, anche nelle discussioni, è umano. Fa parte dello spirito competitivo insito in noi. E fa anche parte di un certo senso di giustizia, di correttezza, e a volte anche di affetto che è dentro di noi. Se, ad esempio, io sono convinto, straconvinto, arcisicuro, che fumare ti fa male mentre tu non lo sei, cercherò in tutti i modi di portarti dalla mia parte. Soprattutto se ci tengo a te. Se ti amo. Se voglio aiutarti a vivere meglio.

Ci sono casi in cui è fondamentale convincere l’altro. Con tutti i mezzi. Tuo figlio si droga? Devi dissuaderlo a tutti i costi. Il tuo partner sta buttando via i soldi? Devi fermarlo a tutti i costi. Un amico si sta fidando delle persone sbagliate? Devi aprirgli gli occhi a tutti i costi. Perché te lo detta il cuore.

Ma ci sono altri casi in cui il voler avere ragione a tutti i costi è dettato non dal cuore, ma dall’orgoglio. O da un punto di vista aleatorio. E allora è meglio lasciar perdere. Quante volte, tra amici, soprattutto in questi tempi di grande cambiamento, si parla di politica? Invariabilmente si finisce col parlare di Berlusconi. E come al solito c’è chi lo ama e chi lo odia.

E’ facile che gli animi si riscaldino. E che si finisca col bisticciare. La voce si alza. E l’intelligenza si abbassa. Perché tanto è inutile. Tanto non si riesce a far cambiare idea a chi la pensa in un certo modo. A chi ragiona per compartimenti stagni. L’unico risultato che si ottiene è di bisticciare. Ne vale la pena?

Io sono da sempre animalista. Quando mi capitava di incontrare dei cacciatori erano liti furibonde. Col bel risultato che dopo esserci accapigliati ci guardavamo in cagnesco. Io credevo di aver difeso gli animali. Invece avevo solo difeso il mio ego. E avevo convinto ancor di più i cacciatori di essere nel giusto. Perché a nessuno piace ammettere di avere sbagliato.

La mia idea, il mio partito, il mio Dio: ci sono persone disposte a farsi scannare pur di non cedere. Anche se, a un certo punto del dibattito, capiscono di avere torto marcio.

Lo capiscono, ma non lo ammetteranno mai. Perché è il loro ego a fregarli. Tutti abbiamo il nostro ego da salvaguardare. E pochi sono tanto intelligenti, umili e coraggiosi da ammettere di avere sbagliato.

La tua amica è orgogliosissima perché ha comprato un cappellino che a te sembra ridicolo? Non criticarla. Evita le bugie: non puoi dire che è bellissimo se invece è osceno. Ma evita lo scontro. Avresti ragione a dire che fa schifo? Chi se ne frega. Prima di parlare per criticare, correggere, redarguire pensa: “L’altro capirà? Accetterà? Acconsentirà?“.

Se la risposta è sì, vai avanti. Se la risposta è no, frenati.

Perché in quel caso la scelta è tra l’avere ragione e l’avere serenità.

Io scelgo la seconda.

Di Mario Furlan.
Fonte: http://www.nonsoloanima.tv

Contenuti consigliati

Il Grande Libro della Serenità
I 7 Principi della Serenità
Il coraggio di essere se stessi oltre la paura
Ritrovare la Serenità + CD Audio
Come superare la depressione attraverso la consapevolezza
Per Vivere con Serenità
Consigli pratici per gestire lo stress e guarire definitivamente dall’ansia e dalla depressione
Il Libro della Serenità
Rilassamento Yoga + 2 CD Audio
Combattere lo stress e ritrovare la serenità
(-15%)

Contenuti video



Scrivi la tua opinione