Apr 01

L'essenza di ciò che sei

Spesso la gente vive come se l’esistenza fosse un costante alternarsi di tristezza e felicità.

Allora il gioco della vita diventa scoprire come trascorrere la maggior parte del tempo dalla parte della felicità e il meno possibile da quella della tristezza.
A un certo livello di consapevolezza, questo percorso verso una felicità più grande sembra essere determinato dall’avere le cose giuste (tanti soldi, un buon lavoro, una relazione perfetta e una bella casa). Tuttavia, ci rendiamo conto che moltissime persone, pur avendo tutto ciò, sono ugualmente tristi. Così iniziamo a indagare più a fondo e scopriamo che non sono le cose che abbiamo, ma le azioni che facciamo a renderci felici o infelici.
Se fai la cosa giusta stai bene con te stesso; se fai quella sbagliata la tua coscienza ti tormenterà fino alla fine dei tuoi giorni.

Nel corso del tempo, ci viene spontaneo collegare, e persino attribuire, il ritorno al benessere a quelle persone o attività che sembrano determinarlo:
siamo OK perché la mamma ci ama;
siamo OK perché il papà ci protegge;
siamo OK perché le persone attorno, per la maggior parte, sembrano avere a cuore il nostro benessere.
Poi un giorno facciamo qualcosa che ci rende felici ma che non piace a mamma e papà: disegniamo sulle pareti di casa, oppure urliamo quando papà è stanco e improvvisamente l’oceano d’amore nel quale abbiamo sguazzato fino a quel momento si riempie di squali e altri mostri troppo brutti da nominare.
In breve tempo, ci convinciamo che l’amore e il benessere siano all’esterno e contemporaneamente nasce l’esigenza di impersonare un ruolo.
Invece il benessere (felicità, connessione, amore, pace, spirito) è la nostra vera natura. Quindi tutti i nostri tentativi di catturare queste sensazioni all’esterno, a prescindere dalla bontà delle nostre intenzioni e dall’impegno profuso, sono destinati a fallire.
Non perché la felicità e il benessere siano irraggiungibili, ma semplicemente perché non è possibile trovare ciò che non è mai stato perso.
Questo ci porta al nostro segreto:

“Il benessere non è frutto di qualcosa che fai;
è l’essenza di ciò che sei. Non c’è niente che tu debba cambiare,
fare o avere per essere felice.”

Tratto da: Supercoach – 10 Segreti che ti cambiano la Vita

Supercoach Michael Neill Supercoach – 10 Segreti che ti cambiano la Vita 

 

Michael Neill

 

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Divertente, facile da leggere, ironico e illuminante, questo libro ti insegna a smettere di pensare da vittima, ti aiuta a trovare la stabilità economica,instaurare relazioni positive e durature e a creare le condizioni per la felicità a lungo termine.

Che tu voglia avere un impatto maggiore sulle persone attorno a te o che stia semplicemente cercando di vivere in modo più intenso, dando un significato profondo alla tua esistenza, questo libro è una guida indispensabile per aiutarti a realizzare il tuo obiettivo.

Michael Neill è coach di fama internazionale, al servizio di celebrita’ nello spettacolo e nello sport e di quanti vogliono cambiare in meglio la propria vita. Definito da Paul McKenna “il miglior coach del mondo”, ha scritto un libro-novita’ in cui condivide con tutti quelli che lo leggeranno alcune strategie e tecniche che i suoi clienti hanno trovato efficaci per per individuare nuove possibilità e intraprendere nuove azioni nella vita.

Il libro è strutturato in 10 sessioni, ciascuna costruita attorno a un “segreto” o a un “principio” o a una “conoscenza” che riguarda la vita. Ciascuna sessione è stata ideata per suscitare intuizioni sul tuo lavoro, sui soldi, sulle relazioni e su te stesso (l’approccio è basato sull’intuizione).

Quello che insegna Michael Neill è modificare il punto di vista: non realizzare il cambiamento partendo dall’esterno verso l’interno, ma realizzarlo partenndo dall’interno… da dove il cambiamento è inevitabile e spontaneo. Ciascuna sessione ti permetterà di vedere una serie di “scorciatoie” per la felicità, il successo e il benessere.

Il libro contiene esercizi di coaching e superconsigli!



Scrivi la tua opinione