Mag 04

Crescere con amore

“Non c’è dubbio che il disagio, la crisi, la sofferenza, siano le molle che spingono verso il cambiamento, [..]
i nostri schemi di pensiero e di azione, eredità e retaggio del nostro passato, risultano sempre più inadeguati a soddisfare le esigenze dell’uomo e dell’ambiente.”

E allora come reagiamo a questo mondo e a questo modo di vivere?
Vengono in nostro aiuto Antonella Coccagna, insegnante, e Lorenzo Locatelli, presidente dell’Associazione La Casa dei Bambini Montalcino, con il libro Crescere con Amore.
Vediamo e sentiamo ogni giorno, più o meno da vicino come la vita, l’educazione e la scuola stiano vivendo una profonda crisi, ma per fortuna sono molte le persone che a gran voce chiedono un cambiamento, nuove proposte.
Dovremmo chiederci, perchè continuare a soffrire?!
Il mondo si sta trasformando, e non dobbiamo ostinarci a guardarlo come la società ci ha abituati.
Ecco quindi che gli autori, propongono, una nuova proposta di società olistica, con l’esigenza di vedere un mondo nuovo, in un nuovo modo.

“Non esiste una realtà oggettiva, ma il prodotto dell’incontro tra ciò che osserviamo e come lo osserviamo.
E’ chiaro allora che cambiando il come, possiamo cambiare, almeno in parte, la realtà.”

Per questo, Crescere con amore, diventa fondamentale; tutti noi durante la fase della crescita facciamo nostri, e quindi ereditiamo da chi ci sta vicino, un certo modo di concepire la realtà. Il rischio che corriamo, come suggeriscono gli autori, è che tutte queste conoscenze acquisite diventino pian piano un ostacolo per noi e per la nostra evoluzione, in quanto tendono a limitarci a degli schemi, limitando poi la crescita individuale e pure collettiva.

Di certo sappiamo che la società e la scuola concentrano le loro attenzioni sullo sviluppo di facoltà logico-analitiche, ma per arrivare ad una visione più olistica, dovremmo concedere alla nostra mente anche altri spunti di crescita, ad esempio, come suggerito nel libro, un educazione affettivo-emotiva, di psicomotricità di educazione comunicativo-relazionale di consapevolezza e maggiore conoscenza di sè.
In molti, già fanno questo tipo di percorsi, ma da adulti, ora diventa di fondamentale importanza, intraprendere un’educazione olistica ben prima.

“La vita ci sta chiedendo di cambiare, di evolverci, di trovare nuove strade.
[..] Siamo individui scollegati, frammentati, infelici, smarriti.
Abbiamo perso la bussola, mille problemi su ogni fronte ci stanno schiacciando e rischiano di distruggerci: come possiamo rimettere insieme i pezzi e portare ordine nella complessità e nella confusione che ci avvolgono?”

Che domandone!.. Davvero difficile rispondere a questa domanda… possiamo e dobbiamo ritrovare il giusto equilibrio, il giusto amore. Che cosa possiamo fare quindi?
La risposta è più banale di quanto si possa pensare.
E’ nell’educazione, che dobbiamo intervenire, quando la vita da uovo si fa uomo, nasce cresce e crea il mondo, è proprio lì, che ci spiegano, ci siano la “rottura”.

L’educazione della quale di parla nel libro, è un’educazione che ci tiene a rimettere al centro dell’attenzione il bambino, che lo rispetta per com’è e ne vuole favorire lo sviluppo in modo armonioso e globale.
E’ solo così che sboccieranno i veri e sani interessi, senza “uccidere” e reprimere la bella e sana curiosità e spontaneità dei bimbi che cela in loro una magica voglia di apprendere.
Questa sì che possiamo chiamarla educazione!

“…un’educazione che inizia dalla nascita.
Perchè educare non è istruire, bensì l’atto di prendere per mano un bambino e condurlo, quasi in punta di piedi, verso l’età adulta.
[..] la sua vita dipende dalle persone che si prendono cura di lui.”

Ecco quindi che nell’epoca dei metodi, dei programmi e delle istruzioni per l’uso, questo libro lancia a genitori e insegnanti un nuovo invito: esserci!

La società attuale ci ha abituati, a fuggire le responsabilità, evitare i conflitti che porterebbero ad una sana crescita personale, riempendo di “rumori” per non ascoltare sè stessi.
Dobbiamo poter aspirare a una società davvero migliore, e per questo dobbiamo sentire, tutti, il dovere di formare e crescere persone libere e autonome, persone in grado di di instaurare relazioni sane e felici.
E’ arrivato il momento che l’educazione inizi a promuovere lo sviluppo dell’uomo, in grado di affrontare i cambiamenti che la vita pone.

“Il bambino deve essere amato.
Dobbiamo impegnarci a crescere al meglio i nostri ragazzi, a prenderci davvero cura di loro.
[..] i bambini sentono. Sentono ciò che siamo, ciò che sentiamo, ciò che amiamo e ciò che odiamo.
Ciò che abbiamo dentro è il loro libro preferito.”

E’ un lavoro faticoso quello di genitori ed educatori, ma molto affascinante…ora sta a voi cominciare ad educare con una nuova consapevolezza.
Buona lettura e buona crescita!

Crescere con Amore Crescere con Amore


Una proposta educativa in chiave olistica

 

Antonella Coccagna, Lorenzo Locatelli

 

Compralo su il Giardino dei Libri

L’educazione e la scuola stanno vivendo una profonda crisi e ci chiedono nuove proposte. Dall’integrazione di modelli antichi e nuovi nasce una visione dell’educazione che dilata i propri orizzonti, guarda all’infanzia e al mondo come a degli universi multisfaccettati, dinamici e interdipendenti. In una parola un’educazione olistica.

Nell’epoca del fare – dei metodi, dei programmi, delle istruzioni per l’uso – questo libro lancia a genitori e insegnanti un nuovo invito: a esserci.



Scrivi la tua opinione