Giu 20

Tutta la verità sull'Amore

“Pensare se stessi e la propria relazione come un’impresa è una condizione imprenscindibile.
Si deve provare orgoglio per il proprio amore,
si deve nutrire l’ambizione di costruire momento per momento una storia di cui andare fieri.”

Tutta la verità sull’amore è una “dichiarazione d’amore” raccolta in un libro, scritta da Franco Bolelli e Manuela Mantegazza, coppia nella scrittura e nella vita.. un dialogo a due e un esempio di come si possa vivere insieme mantenendo la purezza dei sentimenti.
Un libro che affronta il tema in senso molto ampio, ricco di buoni sentimenti e di positività per aiutarci a cogliere sempre i mille momenti positivi che la vita ci dona.

Questo libro celebra l’amore come forza vitale, espansiva e creativa, che travolge le identità dei singoli e le reinventa. Una visione che non ha nulla di sentimentale o di teorico, e ci invita a vivere con più intensità e coraggio.

Gli autori, una coppia di scrittori e coppia nella vita e si raccontano in un dialogo a due il punto di vista maschile e femminile di un rapporto sentimentale. Una dichiarazione forte, un inno all’amore quasi come stile di vita, per far durare un rapporto mantenendo quella libertà individuale che tutti necessitiamo.
La visione che ci raccontano, è quella di una coppia che durante questi vent’anni e più di vita insieme ha celebrato ogni giorno l’immenso sentimento dell’Amore, senza visioni filosofiche ma solo con l’intensità unica che l’amore sa dare, con la forza di reinventarsi e di continuare a camminare l’uno accanto all’altra giorno dopo giorno, esperienza dopo esperienza.

“Siamo insieme da 21 anni. Ogni mattina ci svegliamo e ringraziamo il cielo per averci fatto incontrare 21 anni fa…e poi diamo le testate contro il muro per non averci fatto incontrare molto prima di 21 anni fa”
Franco Bolelli

Il sentimento che potremmo dire, da sempre ha fatto discutere filosofi e scrittori, psicologi e studiosi è affrontato in “Tutta la verità sull’amore” da un punto di vista fresco ed inusuale, con quella passione ed energia indescrivibili che vengono trasmessi al lettore in ogni pagina.

E’ un libro utile per mettersi in gioco e per riflettere,
per aprirsi ad una visione positiva del rapporto di coppia,
per rispolverare la promessa d’amore fatta alla nostra compagna o compagno di vita,
per imparare a tirar fuori il meglio di noi e del potenziale a volte nascosto dell’amore.
Lo sappiamo… una verità unica sull’amore non esisterà mai, ma in questo intenso e delicato dialogo tra un uomo e una donna che si amano rendono ancora di più questo libro vero, reale su un sentimento tanto discusso e a volte sottovalutato.

Se ti sembra utopico e difficile, le due voci narranti sono lì a ripetere che si può fare, magari semplicemente smetti di disperdere le energie, anche ricominciando a «prenderti delle responsabilità». Di certo, non possiamo negarlo, ne vale la pena.
Quel che si rischia altrimenti è una prospettiva fosca, più che tiepida

Dopo aver letto sono certo avrai chiara l’idea che:
la persona giusta è quella che ci fa diventare noi stessi,
quella che ci aiuta a tirar fuori il nostro massimo potenziale,
quella che ci aiuta a migliorare ogni giorno.

Abbandona la paura e metti in primo piano i sentimenti più forti!
Buona lettura, con Amore…

 

Tutta la Verità sull'amore Tutta la Verità sull’Amore

La grandiosa impresa delle passioni e dei sentimenti

Franco Bolelli, Manuela Mantegazza

Compralo su il Giardino dei Libri



Articoli collegati
Mag 30

Verso l'infinito - Una storia vera...che tocca il cuore

“Il sorriso sul suo volto mentre fluttuava libero dal suo peso avrebbe commosso le stelle.
Di sicuro ha commosso me profondamente, e mi ha fatto riflettere
su quale privilegio sia stato percorrere
anche solo un breve tratto del viaggio verso l’infinito insieme a lui.”

Quando un’esperienza ti lascia turbato a tal punto da ammutolirti, oppure quando ciò che si apre davanti a te è così completo da non lasciare spazio ad altro.
Verso l’infinito, è l’immagine di una vita fatta di coraggio, amore, ambizione, caparbietà, desiderio di sopravvivere ad ogni costo.
Questo splendido libro racconta la vita di Stephen Hawking vista attraverso gli occhi della moglie Jane, sua inseparabile compagna ed alleata, attraverso gli anni più difficili ma speciali della loro esistenza.

La straordinaria storia di una delle più grandi menti viventi al mondo, il famosissimo astrofisico Stephen Hawking: “La Teoria del tutto” è un libro da leggere, rileggere e meditare.

Una biografia a tutti gli effetti, ricca di descrizioni ben documentate, con date e svariati nomi che hanno scandito il passare del tempo, ma al suo interno esiste una forza invisibile che lo rende non solo un semplice e dettagliato memoriale dal quale apprendere un’infinità di nozioni riguardanti i protagonisti. Pagina dopo pagina in questo romanzo si parla di vita o meglio, di un’esistenza che sin dai suoi primi passi ha aspirato alla pura e semplice normalità ma che alla fine è sbocciata in qualcosa di straordinario.

La voce che ti guida narrando appartiene a Jane Hawking, moglie di Stephen Hawking, famoso fisico inglese, la quale ti lascia con timidezza entrare nell’intimità della sua vita privata, partendo dalla sua giovinezza fino a giungere ai giorni nostri.
Lei è una giovane studiosa della facoltà di lettere quando per la prima volta si accorge di provare interesse nei confronti di un timido ed introverso ragazzo di nome Stephen. Lui studia fisica e con essa, tutte le leggi che governano l’universo. Stephen, ha negli occhi la fiamma dell’ambizione, che fin da subito mostra chiaramente la grandezza della sua personalità.

Studente straordinario,con una genialità che lo condurrà lontano nella sua carriera di accademico, ma purtroppo è gravemente malato. Da poco ha scoperto di avere una malattia rara degenerativa che lo accompagna ogni giorno sempre di più, inesorabilmente verso la morte.
I due giovani, sanno di non avere a disposizione tanto tempo e proprio per questo, decidono di iniziare la loro vita insieme, consapevoli delle difficoltà e del dolore che tutto questo comporterà.
E’ così che ha inizio l’incredibile storia di una coppia che ha intrapreso il viaggio di una vita senza futuro, strappato dalla realtà stessa di una malattia che non lascia spazio a sogni e fantasticherie. Jane racconta la loro avventura, due giovani che amandosi hanno cercato di rendere immortale un sentimento condannato a morte ancor prima di nascere, dichiarando guerra al dolore, alla sconfitta, alla perdita.

«Non ci dovrebbero essere limiti alla ricerca umana.
Siamo tutti diversi.
E per quanto la vita possa sembrare cattiva,
c’è sempre qualcosa che si può fare e riuscirci. Finché c’è vita, c’è speranza».
Stephen Hawking

Ti lascia ammutolito il coraggio di Jane, la sua devozione, la sua forza e quel suo ottimismo irrefrenabile che non si piega mai, nemmeno di fronte alle sfide più dure. In queste pagine che parlano di un uomo che ha dedicato con passione la sua vita a spiegare e conoscere le leggi che regolano l’universo, incontriamo lei, una donna che indirettamente ha reso possibile tutto ciò.
Una donna che per Amore ha regalato al suo adorato marito distrutto e divorato dalla malattia, una vita speciale e tranquilla, caratterizzata da una normalità che nessuno si sarebbe aspettato per loro dopo la terribile diagnosi. Nonostante l’inesorabile destino che sembra voler contare i giorni ad un amore appena sbocciato, Jane ha trovato quella unica forza che ti fa andare avanti controcorrente, in salita costante verso prove sempre più dure delle precedenti. In un qualche modo è come se così facendo avesse sconfitto la malattia che attanagliava la sua vita.

“Era inutile tentare di spiegare che fra le alienanti paranoie della fisica e le logoranti, incessanti esigenze della malattia avevo cercato onestamente di essere una buona moglie per Stephen; che in mezzo all’armamentario di farmaci, attrezzature mediche e turni di assistenza, in mezzo alla pletora di saggi scientifici, equazioni e riunioni, avevo cercato onestamente di fare del mio meglio, sebbene la mia stessa vita fosse stata stravolta.”

Nonostante tutto il messaggio che ci arriva è comunque: l’amore rende possibile ogni cosa.
Qualunque tipo di amore sia ad animare le nostre vite,
l’amore di una moglie per il marito,
dei genitori per i figli,
che sia l’amore per la vita,
o per le cose che si fanno per renderla completa,
l’amore per il lavoro,
per i risultati da raggiungere
o più semplicemente l’amore per tutti gli splendidi nuovi giorni che l’esistenza ci dona…
…possiamo lasciarci cullare dal fatto che, prima o poi, questo Amore sarò certamente in grado di generare dei piccoli grandi miracoli. ;)

Sì, ne sono ora ancor più convinto: questo libro è un inno, una consacrazione e all’amore.
Visto con la penna di uno scienziato e scritto con l’anima di una storia coraggiosa.
Buona lettura, verso l’infinito della vita.

Verso l'Infinito Jane Hawking Verso l’Infinito

La vera storia di Jane e Stephen Hawking in “La Teoria del Tutto”

Jane Hawking

Compralo su il Giardino dei Libri



Articoli collegati
Apr 20

Respiro dopo Respiro: una storia vera

“Amo troppo la vita e tutto ciò che mi ha dato,
ogni istante, ogni respiro, ogni colpo di tosse.
Con il tempo sono arrivata persino ad amare le cicatrici
che punteggiano il mio corpo, a trovarne un significato.
Molti pensano che la malattia, una come la mia specialmente,
sia sintomo di tristezza e rassegnazione.
Una sorta di attesa. Invece è tutto il contrario…”
Caterina

Caterina Simonsen è una giovane ragazza brasiliana trapiantata a Padova colpita da alcune malattie genetiche rare fra cui il “deficit di Alfa1AT“. La sua storia  in molti la conoscete molto bene, di lei si è parlato sui giornali, in televisione, su Internet.
Un giorno, nel dicembre 2013 Caterina ha con coraggio pubblicato sul web un messaggio. Nelle immagini si vedeva lei con il sorriso nascosto dai tubi che le permettono di respirare. In mano teneva un cartello con un testo scritto con i pennarelli:
“Io, Caterina S., ho 25 anni grazie alla vera ricerca, che include la sperimentazione animale.
Senza la vera ricerca sarei morta a 9 anni”
.

Neanche a dirlo com la sua presa di posizione abbia immediatamente suscitato commenti irripetibili da parte degli animalisti.
Ma dopo un’iniziale spavento, del caos scatenato, Caterina non si è arresa neppure a contestazioni così violente. Anzi, con la sua forte tenacia che da sempre la contraddistingue, ha continuato a spiegare la sua storia, a esporre le sue ragioni.
Ora Caterina ci racconta la sua vita e la sua malattia in un libro. Si intitola Respiro dopo respiro.

Chi mi attacca sostiene che mi strumentalizzino, che sia una marionetta in mano a qualcuno di molto più grande. Come se il fatto di essere malata mi rendesse per forza di cose fragile, malleabile, priva di cervello e forza di volontà. Per difendermi mi rinchiudo nel mio guscio. Non guardo la tv e tengo spesso i telefono spento. Anche perché al di là delle parole, la malattia non dà tregua.

Ho una strana sensazione, la chiamo “fiato sul collo”. L’impressione che il momento stia arrivando, che da un giorno all’altro possa finire ogni cosa, e allor chi e se ne importa della ricerca, dei nazianimalisti e di tutto il resto.

Ci sono attimi in cui mi scoraggio, perdo la speranza, la voglia di dirmi “Ancora, forza, vai avanti”. Attimi, durante i quali la parola “domani” scompare dal mio vocabolario. [...]

È anche per questa capacità di guardare in faccia le cose, di non spaventarsi neppure di fronte alla prospettiva più dura, che Caterina è diventata un simbolo. Contro tutto, Caterina va avanti.

Come hanno affermato Massimo Gramellini e Daria Bignardi
Bisogna guardare la vita con gli occhi di Caterina
“Grazie per averci insegnato a vivere respiro dopo respiro.”

Una domanda però può sorgere spontanea a molti:
Come si fa a vivere attaccati ad un respiratore, a superare grave crisi e ad avere ancora voglia di vivere?
Sinceramente non so rispondere a questa domanda ma, dal libro di Caterina, possiamo trarne un grande insegnamento. Le persone con patologie, anche serie, hanno qualcosa in più. Hanno una bellezza, una voglia di combattere e di stupire che nessun altro ha e che nessun altro riesce a spiegare.
Il sorriso che si vede sempre stampato nello sguardo e negli occhi di Caterina dimostrano proprio questo: la voglia di vivere e di continuare a lottare.
Il libro, infatti, non parla solamente di malattia e di cure, parla di vita “normale”, vita “di tutti i giorni” che Caterina vuole affrontare, sempre e comunque.
Respiro dopo respiro è un libro che ti fa vivere l’istante e perfino l’importanza dell’aria che respiri.
Non è una storia che racconta tristezza e rassegnazione. No! Questo libro è tutto il contrario.. pagina dopo pagina senti che ti tocca l’anima, che ti arriva al cuore, e che ti scuote dentro per una nuova consapevolezza di vivere.

Buona lettura

Respiro dopo Respiro - Caterina Simonsen Respiro dopo Respiro

La mia storia

Caterina Simonsen

Compralo su il Giardino dei Libri

Quando stai tanto male, quando ti capita spesso di sentirti come un pesce che boccheggia sulla spiaggia, a volte avresti voglia di mollare, di alzare le mani e dire: «Okay, mi arrendo». Troppa fatica, troppo dolore. Che se una cosa ce l’hai, tipo la vita, devi poterla usare, altrimenti che senso ha? E quando sei malata, malata per davvero, sei come i bambini poveri davanti alla pasticceria. Tanto vale che rinunci, che smetti di alitare sui vetri. Di sognare una vita che non afferrerai mai davvero.

Poi, però, basta una parola, uno sguardo, una carezza. Un messaggio su Facebook o un sms hanno il potere di ribaltare il mondo. Ti rimettono al tuo posto, ti ricollocano sullo sfondo. Capisci che non sei sola, che sei come una tesserina del domino e la tua vitacondiziona quella degli altri. Che se cadi tu lo fanno anche loro. La tua famiglia, i tuoi amici, il tuo fidanzato. Tutte le persone che ti hanno voluto bene o si sono prese cura di te.E non vuoi farlo, non puoi farglielo.

E poi ci sei tu. Va bene che stai male e sei stanca e tutto il resto, ma come la metti con la vita? Voglio dire, come fai? Ti siedi sul ciglio della strada e ci rinunci? Io, Caterina Simonsen? Impossibile. Amo troppo la vita e tutto ciò che mi ha dato. Ogni istante, ogni respiro, ogni colpo di tosse. Con il tempo sono arrivata persino ad amare le cicatrici che punteggiano il mio corpo, a trovarne un significato.

Molti pensano che la malattia, una come la mia specialmente, sia sintomo di tristezza e rassegnazione. Una sorta di attesa. Invece è tutto il contrario.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

La frase del giorno

http://www.frasicelebri.it/argomento/vita/

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio