Feb 27

Una medicina Intelligente: risolvi le Tue Malattie!

Mal di testa, sonnolenza, ansia, gonfiori, infezioni: sono oramai troppo spesso la causa dei disturbi che ci affliggono e la causa si nasconde nelle abitudini alimentari!

“Non so per quale motivo ma ho notato che se dalla dieta degli asmatici e degli eczematosi togliamo il latte, il formaggio, le focacce, la birra, i pazienti migliorano o addirittura guariscono”
IPPOCRATE, padre della medicina

Capita a volte, pur non essendo affetti da una malattia precisa, di soffrire di disturbi ricorrenti e persistenti di cui non si riesce a venirne a capo: gonfiori, capogiri, cefalea, stanchezza cronica, dermatiti o improvvisi cambiamenti di peso. La causa potrebbe essere un’intolleranza alimentare, fenomeno che negli ultimi anni si è ingigantito in maniera esponenziale.

Grazie alla trentennale esperienza clinica del Dott. Citro, tra i pionieri italiani delle intolleranze alimentari, nel suo libro “Una medicina Intelligente” possiamo comprendere finalmente la verità su questo contrastato argomento, attraverso pagine ironiche, divertenti e soprattutto innovative, per ritrovare il benessere psicofisico in maniera naturale, economica e intelligente.

Il Dottor Massimo Citro ci spiega come moltissime malattie le possiamo risolvere facilmente eliminando gli alimenti che intossicano il corpo. Infatti ci sono cibi che fanno stare bene e altri a cui siamo intollerante e ci fanno ammalare sempre di più.

Sei quindi sicuro che alcuni tuoi malesseri non dipendano
semplicemente da certe intolleranze alimentari fin’ora ignorate?

Le intolleranze alimentari, a differenza delle allergie, le quali manifestano una reazione fisica immediata, presentano una risposta lenta alle sostanze che il nostro corpo non riesce a metabolizzare.
Tali sostanze, non essendo metabolizzate, rimangono all’interno dell’organismo, il quale provvederà ad espellerle prima possibile. Come? Attraverso infiammazioni, secrezioni e altri fastidiosi disturbi (reumatologici e gastrointestinali, ad esempio).
Il Dott. Citro pagina dopo pagina ti spiegherà proprio come molti malesseri, che magari “ci accompagnano” da anni, possano derivare dall’intossicazione che una determinata gamma di alimenti colpiscono il nostro corpo.

“La prevenzione in realtà non importa a nessuno
perchè la triste verità è che oggi la Medicina è un’industria per la quale ci si deve ammalare più che si può.

La Medicina di oggi, non ci vuole nè sani, nè morti, ci vuole sempre un po’ malati.”

Forse non sai che:

in Italia, il 60% della popolazione è intollerante al lattosio. Che 3 persone su 4 non sospetta minimamente di esserlo e continua ad assumerne sottovalutando la propria intolleranza.
Scoprire di essere intollerante è importante. Le conseguenze possiamo incontrare sono disturbi di natura diversa, spesso attribuiti ad altre cause, e vanno dai problemi intestinali e digestivi, insonnia, irritazioni cutanee, anche sintomi difficilmente riconducibili ad un’intolleranza come gonfiore, pesantezza, ritenzione idrica.

Da questo momento sta a te decidere, è una scelta di vita, per vivere con una nuova, sana consapevolezza la salute del tuo corpo.
Impara oggi stesso a dialogare con il tuo corpo e ascolta che cosa ti sta dicendo…per il tuo bene!

Buona lettura

Intolleranze Alimentari - Una Medicina Intelligente Libera da Interessi Economici e Protocolli Massimo Citro Intolleranze Alimentari – Una Medicina Intelligente Libera da Interessi Economici e Protocolli 

Risolvi le tue malattie con i giusti alimenti

Massimo Citro

Compralo su il Giardino dei Libri

 
 
 



Articoli collegati
Feb 26

Noi siamo un perfetto intreccio di vite parallele

«È dubbio se credere nel Fato o nel libero arbitrio faccia una gran differenza nell’agire di una persona, ma ne fa di certo per quanto riguarda il suo temperamento e la sua interiorità, poiché conferisce il proprio stampo alla forma della sua Anima».

Sri Aurobindo

La parola karma significa “azione”.

[..] Per poter vivere dobbiamo agire. Pensare e desiderare, sono già azioni. Noi agiamo, sentiamo la necessità di agire. Anche quando rincorriamo un sogno, un ideale, realizzarli significa trasformarli in azione; anche quando dobbiamo soddisfare il nulla, dobbiamo opportunamente agire.

La presa di coscienza di tutto ciò, ci porta però inevitabilmente a una seconda riflessione:
sino a che punto, ogni nostra azione è Figlia di un nostro Libero pensiero?
Sino a che punto è Figlia di qualcos’altro, di un’azione, di un Karma, di un Destino, che noi non vediamo, di cui non ne abbiamo assolutamente coscienza, ma percepiamo come una cosa oggettiva dentro e intorno a noi, e che per essa dobbiamo agire?

Molti miei pazienti mi chiedono aiuto per trovare una risposta a questa loro necessità o impossibilità o difficoltà nell’agire; mi chiedono aiuto per capire il loro ruolo, il loro destino, quale azione debbano compiere: il tutto, per chetare spesso un malessere interiore che percepiscono ma non riescono a vederlo.

Percepire, vedere e capire il legame tra il nostro agire e l’agire del mondo, è l’inizio della presa di coscienza; agire in accordo con ciò che sta intorno a noi è prendere coscienza.

Negli anni ho compreso che ognuno di noi ha un Karma, ossia “un qualcosa” da portare a termine, una spinta interiore che ci condurrà a camminare in mezzo o ai lati della strada. Il Karma è forse quel “qualcosa” cui non possiamo sottrarci.

Sin da studente, ho cercato di osservare il Mondo, sia con occhio attento all’aspetto magicoed energetico di ogni manifestazione della vita, sia con occhio meccanicistico, ove tutto è conseguenza di una struttura preconfezionata e preesistente all’evento stesso. Nel mio agire da ricercatore, ho sempre accolto la presenza di entrambi i fenomeni contemporaneamente, ho sempre cercato di immaginarli uno conseguenza dell’altro, uno integrante dell’altro.

Il Karma esiste forse perché fa parte della nostra stessa natura di esseri pensanti animali mammiferi.

Per anni mi son posto la domanda – soprattutto da ragazzo durante le interminabili nottate passate a osservare il cielo, a metà strada tra la piena tristezza e l’esaltazione di essere h presente e far parte di quell’immenso Universo stellato che si manifestava davanti ai miei occhi, ai miei sensi – se il Karma, il Destino, lo svolgere della Nostra Vita, dipendesse da “Qualcosa” che stava al di fuori di Noi, come un Dio immanente che riempiva una lavagna di compiti e ruoli da distribuire a tutti, o se nascesse da un “Qualcosa” dentro di Noi e quindi dipendente da Noi, quindi una nostra Creatura?

Oggi, come ricercatore, sono giunto a una conclusione: il Karma è sicuramente una sensazione oggettiva, emotiva, che nasce da strutture biologiche interne nostre, come la sensazione della fame.

Il nostro corpo produce sensazioni emotive oggettive che non possono essere soppresse o negate all’infinito. Dobbiamo iniziare a comprendere che non esistono solo i cinque sensi (tatto, olfatto, gusto, udito e vista), ma ne esistono forse altri che esulano dai cinque organi di senso (pelle, naso, bocca, orecchio e occhio) e dal Sistema nervoso sovra-corticale. Esistono organi di senso viscerali che ci danno informazioni viscerali, dunque irrazionali, ma non per questo non esistenti o di minor importanza.

[..] Io mi vedo un Sistema Biologico in accordo con chi mi ha preceduto e con chi verrà dopo di me; ogni qual volta, nel mio vivere la mia epoca, io modificherò il mio sentire emotivo, inevitabilmente modificherò il sentire emotivo in chi vivrà al mio fianco e di chi verrà dopo di me. Ogni qual volta io modificherò l’immagine emotiva dei miei Genitori e dei miei Antenati, io donerò una memoria emotiva del passato differente ai miei discendenti.

Modificando il mio sentire emotivo, modifico sia in me e sia in chi vive intorno a me, il suo interagire emotivo verso il mondo e verso gli altri.

[..] Questo forse è il Karma. È la somma di tutte queste emozioni viscerali, che ci portano ad agire per mezzo di pulsioni, oggettive ma non traducibili dal nostro sistema razionale. Figlie della nostra storia Filogenetica, ove al suo interno possiamo trovare, come un pozzo, che per un confluire infinito di canali, poi mescola il tutto in una sensazione.

Ogni nostra Azione dunque è Figlia di una necessità precedente al nostro stesso nascere, è Figlia di una necessità del nostro essere oggi, ed è Figlia di una necessità del divenire di un futuro, che solo apparentemente non c’è, ma è parte integrante e stimolante dell’intero sistema.

Noi siamo un perfetto intreccio di vite parallele (il nostro presente) e di vite in serie (il nostro essere diventato e divenire).

Tratto da: Ti Permetto di Far Parte di Me

Ti Permetto di Far Parte di Me Andrea Penna Ti Permetto di Far Parte di Me

 

 

Come scoprire il confine tra il nostro agire e le memorie dei nostri antenati, e far pace con il nostro passato

Andrea Penna

Compralo su il Giardino dei Libri

Scopri il confine tra il tuo agire e le memorie dei tuoi antenati, tra i programmi biologici e le tue scelte di vita, e risolvi il tuo passato.

Chi siamo, dove andiamo, da dove arriviamo?

Sono le domande che accompagnano l’esistenza di tutti noi da sempre.

L’autore dopo anni di ricerche ha maturato l’immagine di un filo che ci accompagna e ci lega Tutti. Da un uomo di scienza ha identificato questo filo nel nostro Istinto, nella nostra natura biologica, integrata in un ecosistema che può arrivare sino all’Universo.

Il rapporto tra Noi e questo Istinto immerso nell’ecosistema generale, è direttamente proporzionale al nostro stato di tranquillità interiore.

Il filo che collega tutti noi e tutti quelli che ci hanno preceduto, e ci collega al sistema Terra in cui viviamo, è il Destino o Karma, la ragione per cui siamo qui biologicamente.

Oggi possiamo dire che il nostro Agire o Karma non è più qualcosa di misterioso e mistico. E la memoria di tutti coloro che amorevolmente ci hanno preceduto e, in qualche modo, aspettano una nostra approvazione.

“Noi siamo un campo energetico emotivo, che si manifesta per mezzo di un corpo”.



Articoli collegati
Feb 20

Molto tempo fa la gente era felice?!

“Molto tempo fa il mondo era molto diverso da come lo vediamo ora.
C’erano meno persone e si viveva più vicini alla terra. La gente conosceva il linguaggio della pioggia, dei raccolti e del Grande Creatore. Sapeva perfino parlare alle stelle e ai popoli del cielo. Era consapevole del fatto che la vita è sacra e proviene dal matrimonio tra Madre Terra e Padre Cielo. A quel tempo, c’era equilibrio e la gente era felice. (…)

Poi accadde qualcosa.
Nessuno ne conosce il vero motivo, ma la gente cominciò a dimenticare la propria identità.
In quel processo del dimenticare, tutti cominciarono a sentirsi separati – dalla terra, dal prossimo e perfino dal Creatore. Si erano perduti e andavano alla deriva nella vita, privi di direzione e senza un collegamento. In quella condizione di separatezza, cominciarono a credere di dover lottare per sopravvivere e per stare al mondo, di doversi difendere da quelle stesse forze che avevano dato loro la vita e con cui avevano imparato a convivere in armonia e fiducia. Ben presto, tutta la loro energia confluì nello sforzo di proteggersi dal mondo esterno, anzichè di fare pace col loro mondo interiore. (…)

Anche se avevano dimenticato chi erano, il dono lasciatogli dai loro avi era rimasto in loro.
Gli restava dentro ancora vivo, un ricordo. Nei loro sogni, di notte, sapevano di avere il potere di guarire i loro corpi, di far cadere la pioggia quando ne avevano bisogno e di parlare con gli antenati.
Sapevano di essere in grado in qualche modo, di ritrovare il loro posto nell’ambiente naturale. Mentre cercavano di ricordare chi fossero, cominciarono a costruire all’esterno di sé le cose che si collegavano alla loro identità interiore. Col passare del tempo fecero persino delle macchine capaci di guarirli, realizzarono sostanze chimiche per far crescere i raccolti e tesero lunghi fili per comunicare a distanza. Più si allontanavano dal potere interiore, più nelle loro vite si accumulavano tutte le cose che, secondo loro, potevano dare la felicità.”
(…)

“Come va a finire il tuo racconto?” chiesi al saggio.
“Alla fine la gente riuscì a recuperare il potere personale e a ritrovare la propria identità?”
Ormai il sole era scomparso dietro le pareti rocciose del canyon e finalmente potevo vedere il volto di chi mi parlava. Ritto davanti a me, dopo aver udito la domanda l’uomo dalla carnagione abbronzata fece un ampio sorriso.
Rimase in silenzio per un momento, poi sussurrò:
“Nessuno lo sa, perchè la storia non è ancora finita. Il popolo che ha smarrito se stesso era quello dei nostri antenati e noi siamo quelli che scriveranno la parola fine. Lei che ne pensa…?”.

Tratto da “La Matrix Divina” di Gregg Braden

Il Linguaggio della Matrix Divina - DVD Gregg Braden Il Linguaggio della Matrix Divina – Videocorso in DVD

Come conoscere e esplorare il Campo delle Infinite Possibilità

Gregg Braden

Compralo su il Giardino dei Libri

“Vuoi ottenere abbondanza spirituale e materiale, rapporti umani soddisfacenti, sviluppare le tue più profonde passioni e raggiungere i traguardi più alti?”

Una potente forza dell’universo vive dentro di noi. E’ il grande segreto della creazione, il potere di creare nel mondo ciò che immaginiamo, attraverso i nostri convincimenti… Spetta a noi prenderne consapevolezza.

Possiamo essere molto più di semplici viandanti che per un breve arco di tempo si “lasciano vivere”: possiamo diventare dei veri partecipanti alla creazione e di tutto ciò che ci circonda..

Ma come è possibile? Gregg Braden in questo video-corso (è la ripresa dal vivo del seminario tenuto in Italia in primavera) spiega in ogni dettaglio con straordinaria chiarezza e profondità come conoscere ed esplorare l’esistenza di quel campo dalle infinite potenzialità (Matrix, o campo quantico, o Coscienza) e soprattutto come comprenderne il funzionamento e il suo linguaggio per imparare ad usarlo per portare gioia, guarigione e pace nella nostra vita e in quella di tutta l’umanità.

L’Autore riesce a fondere in una sinergia estremamente originale ed esplosiva le più recenti scoperte scientifiche della fisica quantistica e la più grande saggezza spirituale perduta o nascosta nei secoli per riconsegnarci le segrete tecniche che portano a miracoli di guarigione e di pace condividendo esperimenti indiscutibili e risultati che il pubblico può vivere in prima persona.

Esiste un campo di energia – la Matrix Divina – che rappresenta il contenitore, il ponte e lo specchio per tutto ciò che accade tra il nostro mondo interiore e il mondo esterno, frutto delle nostre convinzioni più vere e talvolta più inconsce.

Se comprendiamo il funzionamento di questa antica rete di energia ed usiamo un linguaggio adatto affinché essa sia in grado di riconoscere quando comunichiamo i nostri desideri, non abbiamo limiti: attraverso la pace e compassione, possiamo farne una tecnologia interiore delle emozioni, dell’immaginazione e dei sogni.

Secondo Braden ci basta solo un minuscolo mutamento per diventare gli architetti del nostro mondo e del nostro destino, gli artisti cosmici che dipingono le loro certezze interiori sulla tela dell’universo.

Attraverso l’utilizzo di chiavi consapevoli, ci vengono insegnati gli strumenti per tradurre i desideri più puri del nostro cuore nella concreta trasformazione della realtà. Noi abbiamo solo il compito di conoscere e di sapere come funziona la Matrice Divina, imparare il linguaggio che lei riconosce per iniziare a trasformare la realtà dentro e fuori di noi ed essere i creatori delle nostre vite e del cambiamento nel mondo attorno a noi. Con questa conoscenza i nostri poteri sono illimitati, il tempo e lo spazio solo delle credenze.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio