Mag 08

Il pane tostato bruciato

Dopo un lungo e duro giorno di lavoro, mia mamma mise un piatto con salsicce e pane tostato, molto bruciato, davanti al mio papà.

Ricordo che stavo aspettando che lo notasse… Nonostante mio padre lo avesse notato, prese un pane tostato, sorrise a mia madre e mi chiese come fosse andata a scuola.

Non ricordo cosa gli risposi, però mi ricordo il vederlo spalmare burro e marmellata sul pane tostato e mangiarlo tutto.

Quando mi alzai da tavola, quella sera, ricordo d’aver sentito mia madre chiedere scusa a mio padre per il pane tostato molto bruciato. Mai dimenticherò quello che gli disse:

Cara non preoccuparti, a volte mi piace il pane tostato un po’ bruciato.

Più tardi, quella sera, andai a dare il bacio della buona notte a mio padre e gli chiesi se veramente gli piaceva il pane tostato bruciato.

Egli mi abbracciò e mi fece questa riflessione:
La tua mamma ha avuto un giorno molto duro nel lavoro,
è molto stanca, ed inoltre un pane tostato un po’ bruciato non fa male a nessuno”…….

La vita è piena di cose imperfette.
Imparare ad accettare i difetti e decidere di apprezzare ognuna delle differenze degli altri, è una delle cose più importanti per creare una relazione sana e duratura.

Un pane tostato bruciato non deve ferire un cuore.

La comprensione e la tolleranza sono la base di ogni buona relazione.
Sii più gentile di quanto ritieni necessario esserlo perché tutte le persone, in questo momento, stanno lottando contro qualche tipo di battaglia.

Tutti abbiamo problemi e tutti stiamo imparando a vivere, ed è molto probabile che non ci basti una vita per imparare il necessario.

“Il viaggio verso la felicità non è diritto.
Esistono curve chiamate EQUIVOCI,
esistono semafori chiamati AMICI,
luci di posizione chiamate FAMIGLIA,
e tutto si raggiunge se hai:
Una ruota di scorta chiamata DECISIONE,
un potente motore chiamato COMPRENSIONE,
una buona assicurazione chiamata FEDE,
abbondante combustibile chiamato PAZIENZA,
e soprattutto un autista esperto chiamato AMORE!!!

Hai due modi per diffondere la luce,
essere la lampada che la emette, o lo specchio che la riflette”.

di Lin Yutang

Non Puoi Piantare un Chiodo nel Cielo Non Puoi Piantare un Chiodo nel Cielo

 

Gli insegnamenti di un maestro zen
Lin-Chi

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Il messaggio del maestro cinese Lin Chi è qui tradotto e commentato da Fabrizio Rondolino, che ne offre una versione semplice e non dottrinale, una lettura piacevole e ispirante per tutti.

Lin Chi è rimasto celebre per il suo metodo di insegnamento, estremamente diretto dalla mente e dal cuore del maestro alla mente e al cuore del discepolo.

Le sue parole schiette, essenziali, vigorose fino ad apparire crude, tramandateci attraverso i secoli, spronano ancora l’uomo a cercare la Verità non nel mondo assordante, ma nell’interiorità silenziosa di ciascuno, facendo così emergere un “uomo vero”, libero dai condizionamenti, che tramite la meditazione, la riflessione sui koan e l’atteggiamento di consapevolezza in ogni istante della vita quotidiana possa raggiungere e vivere l’illuminazione nella pienezza di mente e corpo.



Articoli collegati
Apr 30

Le lacrime del deserto - Paulo Coelho

 

Un missionario, appena arrivato a Marrakech, decise che tutte le mattine avrebbe fatto una passeggiata nel deserto che si estendeva oltre la periferia cittadina.
Durante la sua prima camminata, notò un uomo sdraiato sulla sabbia: accarezzava il suolo con una mano e vi teneva l’orecchio appoggiato sopra.
« E’ un pazzo» si disse. Ma la scena si ripeté giorno dopo giorno.

Trascorso un mese, incuriosito da quello strano comportamento, il missionario decise di rivolgersi all’uomo. Gli si inginocchiò accanto e, con molta difficoltà, giacché non parlava ancora l’arabo fluentemente, domandò: «Cosa sta facendo?»
«Tengo compagnia al deserto e lo consolo per la sua solitudine e le sue lacrime.»
«Non sapevo che il deserto piangesse.»
«Piange tutti i giorni. Ha un sogno: quello di rendersi utile all’uomo e trasformarsi in un immenso giardino, dove poter coltivare cereali e fiori, e allevare montoni.»
«Le chiedo una cortesia: dica al deserto che svolge la sua missione assai bene,» replicò il missionario.

«Ogni volta che mi ritrovo a camminare qui, comprendo la vera dimensione dell’essere umano: il suo spazio aperto, infatti, mi permette di capire quanto siamo piccoli di fronte a Dio. Quando guardo la sua sabbia, immagino i milioni di persone che sono state create uguali, e penso che non sempre il mondo si è dimostrato giusto con ciascuna di esse. Le sue montagne
mi aiutano a meditare. Quando vedo il sole sorgere all’orizzonte, la mia anima si colma di gioia e io mi sento più vicino al Creatore». Il missionario si allontanò e fece ritorno alle sue faccende quotidiane. Fu davvero enorme la sua sorpresa quando, l’indomani mattina, incontrò l’uomo nello stesso posto e nella medesima posizione.

«Ha riferito al deserto tutto ciò che ho detto?» domandò.
L’uomo annuì. « E nonostante questo, continua a piangere?» «Sì. Posso udire ogni suo singhiozzo.
Adesso piange perché ha trascorso migliaia di anni pensando di essere completamente inutile e ha sprecato tutto questo tempo imprecando contro Dio e contro il proprio destino.»
«Ebbene, ditegli che, malgrado abbia una vita molto più breve, anche l’essere umano passa molti dei suoi giorni reputandosi inutile. Di rado, scopre la ragione di quel suo destino e pensa che Dio sia stato ingiusto con lui. Poi, quando un qualche avvenimento gli mostra finalmente la ragione per cui è nato, crede che sia troppo tardi per cambiare vita, e continua a soffrire. E, come il deserto, si sente in colpa per il tempo perduto.»
«Non so se il deserto ascolterà queste giustificazioni,», disse l’uomo. «Ormai si è abituato al dolore e non riesce a vedere le cose in maniera diversa.»
«Allora è arrivato il momento di fare quello che io faccio sempre quando ho la sensazione che le persone abbiano perduto la speranza. Pregare. Sì, pregheremo.» Si inginocchiarono entrambi e pregarono. Uno si voltò verso la Mecca perché era musulmano; l’altro congiunse le mani e le portò al petto perché era cattolico. Pregarono, rivolgendosi ciascuno al proprio Dio – che è sempre stato lo stesso, anche se si insiste a chiamarlo con nomi differenti.

Il giorno successivo, quando il missionario fece la camminata mattutina, l’uomo non c’era più. Nel luogo in cui era solito abbracciare la sabbia, il suolo appariva bagnato, giacché era sgorgata una piccola fonte. Nei mesi successivi, la sorgente si fece più copiosa, e gli abitanti della città vi costruirono intorno un pozzo. I beduini chiamano quel posto il “pozzo delle lacrime del deserto“.
Dicono che tutti coloro che ne berranno l’acqua riusciranno a trasformare la ragione della propria sofferenza in motivo di gioia.
E finiranno per trovare il proprio destino.

Tratto da Come il Fiume che Scorre di Paulo Coelho

Come il Fiume che Scorre Come il Fiume che ScorreSette anni di riflessioni, viaggi e incontri: il segreto svelato di un’affascinante filosofia di vita 

Paulo Coelho

 

Compralo su il Giardino dei Libri

In queste pagine non ci sono solo le convinzioni dell’autore riguardo al destino del mondo e dell’uomo, ma anche i risvolti autobiografici. La raccolta di racconti è inoltre preceduta da una prefazione in cui Paulo Coelho racconta come è diventato scrittore.

“Ho attraversato molti luoghi, cambiando più paesi che scarpe, come diceva Bertolt Brecht. Nelle pagine di questo libro, racconto momenti che ho vissuto, storie che ho udito, riflessioni che hanno affollato la mia mente mentre percorrevo una determinata tappa nel fiume della vita”



Articoli collegati
Mar 19

Caro papà

Caro papà,
calde e forti sono le tue mani, mentre accarezzi la pancia della mamma e io dentro mi sento blandire dalla grandezza del tuo sentimento. Sono dolci coccole che sento… e mi dicono “ciao bimbo mio io sono qui, sono il tuo papà e ti sto aspettando.”
Grande è la mia gioia, e muovendomi ti tiro un calcetto.
Oh no! Ti prego resta! Ma cosa dici?… Non è vero che mi dai fastidio, continua!… Come è possibile che tu mi dia noia!…
Comè possibile che io non ti riconosca!…
E assurdo pensare che non ti accetto…ricordi?…Per metà sono te!
Sono fatto della tua stessa sostanza, della tua stessa essenza.
Accarezzami ancora…parlami, ti ascolto.

Certo che per la mamma è più facile intuirmi, sentirmi, ma non pensare di essere così lontano da me.
Anzi, ti confido una cosa… quando tu l’abbracci, l’aiuti in casa, le dai i baci, le fai regali, insomma quando lei grazie a te è contenta, le viene una specie di formicolio nel cuore; sai io me ne accorgo, perché il suo cuore è un po più su, appena sopra di me.
Quel formicolio piano piano scende e fa brillare tutto il mio liquido.
E’ una sensazione bellissima e la devo a te.
Allora penso che sarà molto bello nascere in una famiglia con un papà e una mamma come voi, e che ho fatto una bella scelta.
Cammineremo insieme per un lungo tratto della nostra vita, a volte andrò spedito e con facilità, altre arrancando in salita, ma comunque avrò la mia mano nella vostra e sarò sorretto.

Continua allora ad accarezzarmi e parlarmi, avendo la certezza che io ti sia grato e che sappia che sei il mio papà già da ora.
In attesa di quel giorno che con dolore, con angoscia e paura nascerò, tu sarai lì sostenendo e dando la forza alla mamma.
Sostenendo e dando forza a lei, dai forza anche a me. Sarai lì per celebrare la mia venuta al mondo.
Immensa sarà allora la felicità dell’incontro. Sbigottito sarò io nel riconoscere l’odore della mamma, il suo battito del cuore, la sua voce, la tua voce…di sentire le vostre mani su di me, ammiccando con gli occhi che per la prima volta vedono il fuori…conoscere la sagoma del volto della mamma e del tuo…e sarà amore caro papà!!

Calde e forti sono le tue mani che amorevoli vigilano fin da ora su di me!
Il tuo tanto aspettato bimbo :)

Auguri a tutti i papà!

Diventiamo Mamma e Papà Diventiamo Mamma e PapàManuale pratico: dalla gravidanza al primo anno di vita del bambino

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Un manuale di autoaiuto per le coppie che si apprestano a diventare neogenitori.

In queste pagine gli autori – un team di psicologi del PIRI (Parent-Infant Research Institute) di Heidelberg Heights (Australia), che gode di fama internazionale come centro di eccellenza per gli studi sul rapporto genitore-figlio nei primi 2 anni di vita – forniscono un training di preparazione alla maternità e alla paternità. Accanto a suggerimenti e a pratiche descrizioni di che cosa succede ai genitori (dal punto di vista fisico, psicologico e emotivo) durante la gravidanza e nei primi mesi di vita del bambino, il libro propone spunti di riflessione ed esercizi che permetteranno ai novelli mamma e papà di affrontare con serenità tutti gli inevitabili cambiamenti a cui andranno incontro sia come coppia che come genitori.

Il libro si sofferma in particolare sul periodo della gravidanza, lasciando spazio nell’ultimo capitolo ai primi mesi di vita del bambino.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio