Feb 26

Noi siamo un perfetto intreccio di vite parallele

«È dubbio se credere nel Fato o nel libero arbitrio faccia una gran differenza nell’agire di una persona, ma ne fa di certo per quanto riguarda il suo temperamento e la sua interiorità, poiché conferisce il proprio stampo alla forma della sua Anima».

Sri Aurobindo

La parola karma significa “azione”.

[..] Per poter vivere dobbiamo agire. Pensare e desiderare, sono già azioni. Noi agiamo, sentiamo la necessità di agire. Anche quando rincorriamo un sogno, un ideale, realizzarli significa trasformarli in azione; anche quando dobbiamo soddisfare il nulla, dobbiamo opportunamente agire.

La presa di coscienza di tutto ciò, ci porta però inevitabilmente a una seconda riflessione:
sino a che punto, ogni nostra azione è Figlia di un nostro Libero pensiero?
Sino a che punto è Figlia di qualcos’altro, di un’azione, di un Karma, di un Destino, che noi non vediamo, di cui non ne abbiamo assolutamente coscienza, ma percepiamo come una cosa oggettiva dentro e intorno a noi, e che per essa dobbiamo agire?

Molti miei pazienti mi chiedono aiuto per trovare una risposta a questa loro necessità o impossibilità o difficoltà nell’agire; mi chiedono aiuto per capire il loro ruolo, il loro destino, quale azione debbano compiere: il tutto, per chetare spesso un malessere interiore che percepiscono ma non riescono a vederlo.

Percepire, vedere e capire il legame tra il nostro agire e l’agire del mondo, è l’inizio della presa di coscienza; agire in accordo con ciò che sta intorno a noi è prendere coscienza.

Negli anni ho compreso che ognuno di noi ha un Karma, ossia “un qualcosa” da portare a termine, una spinta interiore che ci condurrà a camminare in mezzo o ai lati della strada. Il Karma è forse quel “qualcosa” cui non possiamo sottrarci.

Sin da studente, ho cercato di osservare il Mondo, sia con occhio attento all’aspetto magicoed energetico di ogni manifestazione della vita, sia con occhio meccanicistico, ove tutto è conseguenza di una struttura preconfezionata e preesistente all’evento stesso. Nel mio agire da ricercatore, ho sempre accolto la presenza di entrambi i fenomeni contemporaneamente, ho sempre cercato di immaginarli uno conseguenza dell’altro, uno integrante dell’altro.

Il Karma esiste forse perché fa parte della nostra stessa natura di esseri pensanti animali mammiferi.

Per anni mi son posto la domanda – soprattutto da ragazzo durante le interminabili nottate passate a osservare il cielo, a metà strada tra la piena tristezza e l’esaltazione di essere h presente e far parte di quell’immenso Universo stellato che si manifestava davanti ai miei occhi, ai miei sensi – se il Karma, il Destino, lo svolgere della Nostra Vita, dipendesse da “Qualcosa” che stava al di fuori di Noi, come un Dio immanente che riempiva una lavagna di compiti e ruoli da distribuire a tutti, o se nascesse da un “Qualcosa” dentro di Noi e quindi dipendente da Noi, quindi una nostra Creatura?

Oggi, come ricercatore, sono giunto a una conclusione: il Karma è sicuramente una sensazione oggettiva, emotiva, che nasce da strutture biologiche interne nostre, come la sensazione della fame.

Il nostro corpo produce sensazioni emotive oggettive che non possono essere soppresse o negate all’infinito. Dobbiamo iniziare a comprendere che non esistono solo i cinque sensi (tatto, olfatto, gusto, udito e vista), ma ne esistono forse altri che esulano dai cinque organi di senso (pelle, naso, bocca, orecchio e occhio) e dal Sistema nervoso sovra-corticale. Esistono organi di senso viscerali che ci danno informazioni viscerali, dunque irrazionali, ma non per questo non esistenti o di minor importanza.

[..] Io mi vedo un Sistema Biologico in accordo con chi mi ha preceduto e con chi verrà dopo di me; ogni qual volta, nel mio vivere la mia epoca, io modificherò il mio sentire emotivo, inevitabilmente modificherò il sentire emotivo in chi vivrà al mio fianco e di chi verrà dopo di me. Ogni qual volta io modificherò l’immagine emotiva dei miei Genitori e dei miei Antenati, io donerò una memoria emotiva del passato differente ai miei discendenti.

Modificando il mio sentire emotivo, modifico sia in me e sia in chi vive intorno a me, il suo interagire emotivo verso il mondo e verso gli altri.

[..] Questo forse è il Karma. È la somma di tutte queste emozioni viscerali, che ci portano ad agire per mezzo di pulsioni, oggettive ma non traducibili dal nostro sistema razionale. Figlie della nostra storia Filogenetica, ove al suo interno possiamo trovare, come un pozzo, che per un confluire infinito di canali, poi mescola il tutto in una sensazione.

Ogni nostra Azione dunque è Figlia di una necessità precedente al nostro stesso nascere, è Figlia di una necessità del nostro essere oggi, ed è Figlia di una necessità del divenire di un futuro, che solo apparentemente non c’è, ma è parte integrante e stimolante dell’intero sistema.

Noi siamo un perfetto intreccio di vite parallele (il nostro presente) e di vite in serie (il nostro essere diventato e divenire).

Tratto da: Ti Permetto di Far Parte di Me

Ti Permetto di Far Parte di Me Andrea Penna Ti Permetto di Far Parte di Me

 

 

Come scoprire il confine tra il nostro agire e le memorie dei nostri antenati, e far pace con il nostro passato

Andrea Penna

Compralo su il Giardino dei Libri

Scopri il confine tra il tuo agire e le memorie dei tuoi antenati, tra i programmi biologici e le tue scelte di vita, e risolvi il tuo passato.

Chi siamo, dove andiamo, da dove arriviamo?

Sono le domande che accompagnano l’esistenza di tutti noi da sempre.

L’autore dopo anni di ricerche ha maturato l’immagine di un filo che ci accompagna e ci lega Tutti. Da un uomo di scienza ha identificato questo filo nel nostro Istinto, nella nostra natura biologica, integrata in un ecosistema che può arrivare sino all’Universo.

Il rapporto tra Noi e questo Istinto immerso nell’ecosistema generale, è direttamente proporzionale al nostro stato di tranquillità interiore.

Il filo che collega tutti noi e tutti quelli che ci hanno preceduto, e ci collega al sistema Terra in cui viviamo, è il Destino o Karma, la ragione per cui siamo qui biologicamente.

Oggi possiamo dire che il nostro Agire o Karma non è più qualcosa di misterioso e mistico. E la memoria di tutti coloro che amorevolmente ci hanno preceduto e, in qualche modo, aspettano una nostra approvazione.

“Noi siamo un campo energetico emotivo, che si manifesta per mezzo di un corpo”.



Articoli collegati
Feb 12

Il mio Bambino non mi Dorme

Perchè i suoi bambini si svegliavano continuamente?
Perchè il bambino che mangia e dorme è solo il bambino della vicina?

Il mio bambino non mi dorme“. Il libro è scritto da Sara Letardi, con il contributo corale delle mamme in rete che da tempo che da tempo seguono le discussioni sul web.
L’autrice con pazienza ha raccolto, oltre che contributi scientifici e un’immensa bibliografia, tante testimonianze di mamme che non si rassegnano e non condividono il metodo Estivill-Ferber per abituare il proprio bambino al sonno.
Io volevo che il mio bambino dormisse e non piangesse” dice Sara.

Appena ci si ferma a parlare con qualche mamma si scopre che in realtà di neonati che non dormono ce ne sono davvero molti.
Purtroppo, troppo spesso noi genitori abbiamo delle aspettative troppo alte nei confronti del sonno del bambino. I neonati hanno un periodo di adattamento alla vita extrauterina che varia da neonato a neonato e ciò comporta dei ritmi di sonno che sono totalmente diversi da quelli di un adulto.

Prima di tutto non dobbiamo mai dimenticare che ogni bambino è unico, ha le sue abitudini e le sue caratteristiche particolari :)

Resta comunque il fatto che le difficoltà ad addormentarsi e i risvegli notturni dei bambini mettono a dura prova noi genitori, sempre più stanchi e sfiduciati che andiamo quindi alla ricerca di spunti e consigli che possano aiutare a trovare un equilibrio tra il suo sonno e il nostro.
Tra mamme ci si scambiano spesso consigli…e altrettanto spesso non si seguono o si fa il contrario pensando che “il nostro caso” sarà diverso.. personalmente penso che sia corretto che ogni mamma rielabori quanto leggerà in questo libro o che sentirà parlando con altre amiche mamme per riadattarlo alla propria situazione.

Quante volte si sveglierà mio figlio questa notte?
Quanto tempo impiegherà per riaddormentarsi?
Queste sono solo alcune delle domande che affliggono mamme e papà al momento della nanna.

Non possono esserci ricette universali, ogni coppia mamma-bambino ha delle caratteristiche uniche e particolari di cui non si può non tenere conto.

Per questo, quello che l’autrice ha cercato di trasmettere nel libro, non è tanto un “metodo” o una ricetta, ma un modo per elaborare una propria strategia per risolvere (o limitare) i problemi legati al sonno.
Quello di Sara è quindi un approccio globale non è un libro di istruzioni preconfezionate!

Con l’aiuto del libro Il Mio Bambino Non mi Dorme, sarà più semplice conoscere meglio le esigenze del bambino, bilanciare i bisogni di noi genitori con le sue necessità e sarà possibile raggiungere un equilibrio di cui potrà godere tutta la famiglia

Spero che, dopo esservi confrontati con tante situazioni diverse, troviate un po di conforto nel sapere che non solo non siete soli, ma neanche inadeguati o incompetenti. Diventare genitori è un processo che abbiamo appena iniziato e, probabilmente  non finirà mai.

Il mio Bambino non mi Dorme Il mio Bambino non mi DormeCome risolvere i problemi di sonno dei propri figli

Sara Letardi

Compralo su il Giardino dei Libri



Articoli collegati
Feb 06

La Lingua degli Angeli: Comunicare con gli Angeli

 

“Il loro scopo è aiutarci a spiegare le ali
dell’immaginazione per iniziare a credere
nel suo enorme potere.”

La Lingua degli Angeli è davvero un libro ispirato, che sa condurci in un viaggio bellissimo alla scoperta del mondo angelico e della sua missione.

Mai in questi anni, nel mondo c’è proprio bisogno che la gente si rivolga e si affidi agli angeli che Dio ci ha mandato in aiuto e guida per questo tempo di grandi cambiamenti. L’umanità si sta preparando ad una fase di transizione molto importante e delicata e molta gente rischia di cadere nella trappola della paura che viene propagandata ogni giorno. Per cui, penso, sia di vitale importanza ricordare a tutti che l’Amore è sempre presente e che possiamo contare sull’amorevole presenza angelica in ogni momento.

“Non dimentichiamo mai che il respiro è sacro
e che gli angeli entrano in noi attraverso di esso.”

Un libro questo che sa confortare, dalla certezza di trovare sempre tra le sue pagine un messaggio d’amore, un gentile invito alla preghiera e tanti suggerimenti pratici per aprirci alla presenza angelica che sono molto semplici ed efficaci.
Infatti l’autrice Claire Nahmad, in questo questo bellissimo libro ci ricorda che siamo sempre circondati da amorevoli e potenti creature celesti, pronte ad assisterci in ogni aspetto della nostra esistenza.

Pagina dopo pagina, troviamo consigli spirituali e pratici guidati da uno specifico Angelo che ci guida, ad esempio, per risanare le nostre relazioni, il nostro corpo, la vita dei nostri familiari e anche la nostra carriera. Il libro ci invita a parlare costantemente con gli angeli e a chiedere loro sostegno in ogni situazione. Loro non attendono altro che un nostro cenno per poter intervenire e non vogliono altro se non aiutarci a seguire la nostra felicità.

Con l’augurio e la speranza di far giungere anche a voi almeno un pò del messaggio d’amore che l’autrice e gli angeli offrono in queste emozionanti pagine.

La Lingua degli Angeli Claire Nahmad La Lingua degli Angeli

 

Comunicare con le nostre Guide per ricevere saggezza e aiuto

Claire Nahmad

Compralo su il Giardino dei Libri

La lingua degli angeli è conosciuta da secoli come la Lingua Verde o Lingua degli Uccelli: era un linguaggio segreto che solo gli eletti capivano. Da esso derivò la Lingua Madre, un linguaggio globale di segni e simboli con un’essenza magica nelle parole, condivise in segreto dai Templari, dai Massoni, dagli alchimisti e da molti altri gruppi esoterici.

Per scrivere questo libro l’Autrice ha attinto al linguaggio degli Angeli nella sua traduzione più semplice, in modo che ogni lettore sia in grado di usarlo.

Il risultato è una guida preziosa per comunicare con loro, un testo a cui ricorrere quando una situazione richiede l’aiuto di un particolare angelo, che fornisce istruzioni su come acquietare la mente e stimolare lo spirito al momento di incontrare un essere di luce.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio