Ott 22

Il Libro del Talento - Scopri il tuo talento

Con quali parametri misuri il tuo benessere?
Su cosa punti per condurre una buona esistenza?
Quanto puoi incidere nel determinare il successo o l’insuccesso della tua vita?
In particolare, nella costruzione del successo personale e professionale contano, secondo te, i talenti?

Come afferma Cristiano Ghibaudo, nella sua ultima opera, Il libro del talento, solitamente a questa ultima domanda rispondiamo affermativamente, salvo poi rimanere incerti quando dobbiamo riconoscere ed elencare i nostri di talenti ;)

“Ciascuno di noi nutre il profondo desiderio e l’ambizione di avere una vita buona.
[..]Siamo quindi spesso alla ricerca di sfide ritenute via via necessarie al fine di raggiungere quella
condizione interiore di appagamento e gratificazione che ci rende persone soddisfatte, e quindi felici.”

L’autore, formatore e coach, ci presenta una favola che ha come protagonista una rana, Lara, alle prese con infelicità e frustrazione che stanno soffocando la vita nello stagno in cui sta con le compagne.

Attraverso il loro vivere quotidiano ne esplora significati e implicazioni; offrendo a noi lettori un bel po’di spunti per una riflessione personale e per capire come individuare e coltivare i propri talenti e cosa molto carina, anche quelli delle persone che ci vivono accanto, marito, moglie, compagno, figli, amici, famigliari…

A volte capita che ci troviamo di fronte ad un muro che, perchè pur avendo raggiunto risultati professionali significativi, riconosciuti socialmente e in molti casi invidiabili, ci sentiamo delusi rispetto a quanto avevano sperato di ottenere al termine del percorso intrapreso.

«Come mai non sono soddisfatto come mi sarei aspettato?
Eppure ho raggiunto ciò che desideravo, e mi è costato parecchi sforzi!»
è la domanda che ci frulla nella mente troppo spesso..

Forse oggi è venuto il momento di abbandonare le vecchie logiche ed imparare a dare il meglio di noi stessi partendo da ciò che siamo.
Dobbiamo cioè semplicemente imparare a spenderci in pienezza e per riuscirci possiamo cambiare la chiave di lettura della nostra vita, senza porci limiti di età.

Questo nuovo modo di vedere le cose ci dà la possibilità di cambiare la prospettiva della nostra vita fin da subito.
Gribaudo afferma infatti:
“Ognuno di noi può diventare esploratore di se stesso,
per scoprire la vera natura del proprio talento:
un dono da coltivare con cura e tenerezza nelle diverse stagioni della vita,
dentro e fuori il lavoro.”

E’ un percorso bellissimo per ritrovarci esploratori di noi stessi,
per scoprire la vera natura di quel bene prezioso che sta nel profondo di noi:
un dono, che a volte pensiamo di non avere, solo perchè è da coltivare in ogni stagione della vita :)

E se alla domanda, “Dimmi i tuoi talenti“… ti fermi a pensarci e ti pare di non averne, pagina dopo pagina cambierai felicemente idea!

Lasciati guidare da questa “favola”..
Spero davvero che tu ti lasci trasportare, come ho fatto io, e che la lettura delle avventure di Lara la Rana e delle sue compagne, alle prese con i problemi che colpiscono lo stagno in cui vivono, possa offrirti numerosi nuovi spunti per riflettere sul modo in cui maneggiare e sfruttare ogni giorno il tuo talento e quello delle persone che ti sono vicine.

Buona lettura, alla scoperta del tuo talento!

Il Libro del Talento Cristiano Ghibaudo Il Libro del Talento

Trovare e coltivare il proprio e quello altrui, nel lavoro e nella vita

Cristiano Ghibaudo

Compralo su il Giardino dei Libri



Articoli collegati
Ott 15

Svezzamento bambini - Il mio bambino non mi mangia

“Fidati di tuo figlio.
Dopo nove mesi di attesa, alla fine hai in braccio tuo figlio.
Per non avere conflitti fin dall’inizio, fidati di tuo figlio.
Tuo figlio sa se ha fame, l’orologio no.”

Mamme e papà quante volte, vi siete detti, “io non sarò apprensivo per l’alimentazione di mio figlio“?
Mamme e papà quante volte poi siete andati in tilt dopo giorni di rifiuto delle pappe?
Mamme e papà quanto siete stanchi di sentirvi dire cosa fare da nonni, zii, cognati, prontissimi ad elencarvi i loro consigli?
Mamme e papà in molti han detto ..”se solo l’avessi letto prima avrei vissuto più serenamente quei momenti..

Mamme e papà questo è il momento di ascoltare le parole di un’esperto pediatra, ironico, rassicurante, reale, sensibile e attento alla salute dei bambini.
Tutti i suoi libri sono unici e semplicemente stupendi e piacevoli nella lettura…

Il mio bambino non mi mangia“ di Carlos Gonzalez è assolutamente da leggere, parola di molte mamme..e papà!

L’autore è molto diretto e pratico, e nel chiarire i dubbi delle mamme utilizza le lettere ricevute dalla sua rubrica sull’allattamento materno (della rivista spagnola Ser padres).

I bambini vengono spesso costretti, con ricatti, con le buone o con le cattive a finire il piatto.
Serve davvero?
O si crea solo un rapporto malsano con il cibo?
Immaginate se veniste costretti a mangiare anche quando non ne avete bisogno?
Come vi sentireste?

Il concetto principale è, e sempre sarà:
non obbligare tuo figlio a mangiare, non obbligarlo mai con nessun metodo, in nessuna circostanza e per nessun motivo”, infatti Gonzalez ci spiega come l’inappetenza sia un problema di equilibrio tra ciò che un bambino mangia e quello che la sua famiglia spera che mangi.
Non costringere i nostri figli a mangiare è quindi il metodo per sviluppare in loro un sano appetito: mangeranno quello che avrebbero comunque mangiato risparmiando a noi genitori la sofferenza, la tensione e le liti che accompagnano l’ora del pasto.

Cosa ancora più interessante che ci racconta lo scrittore con precisione nel libro “Il mio bambino non mi mangia“ è come il ritmo di crescita dei bambini allattati al seno sia diverso rispetto a quello di chi viene allattato al biberon, evidenziando come i grafici delle curve di crescita non sono comunque validi per tutti nello stesso modo. Ogni bambino è un mondo a sè :)
Il pediatra, sdrammatizza il problema e indicando regole chiare di comportamento, tranquillizza quelle madri che vivono il momento dell’allattamento e dello svezzamento come una questione personale, con angustia e sensi di colpa se il bambino non aumenta di peso come da “standard”

“Sono molti i motivi per cui alcuni bambini mangiano più o meno di altri.
Influiscono naturalmente l’età, le dimensioni, la velocità di crescita, l’attività fisica…
Tutti conosciamo persone che mangiano “come un uccellino” e altre che “non si sa dove mettono il cibo”.

Però, a volte, si può creare un malinteso: cosa intendi per mangiare poco?”

Insomma, in questo libro, Gonzales incoraggia, tranquillizza, rasserena, dà fiducia alle mamme e, con gran senso dell’umorismo, “si prende gioco” della loro paura costante riguardo l’inappetenza dei loro pargoli.
Probabilmente dovrebbero leggerlo anche diversi pediatri italiani e imparare un po’ da lui, il modo di rassicurare i genitori che alla fine hanno sempre gli stessi dubbi e le stesse paure. Che ne dici?! :)
A mio giudizio e di migliaia di lettori, questo è il miglior libro sull’autosvezzamento e crescita del bambino e paturnie dei genitori;)

Ricorda find’ora che una volta escluse possibili patologie, anche i bambini inappetenti arrivano prima o poi a trovare la loro strada per la buona tavola.
L’importante è non cedere al pasto continuo, riconcorrendoli per casa con il cucchiaio purché raggiungano quello che noi pensiamo sia il giusto livello di calorie da ingerire, o al far mangiare loro schifezze varie purché mangino, così come al cibo-spazzatura come premio.
Non preoccuparti, significa che o non gli piace o non ha bisogno di quel tipo di nutrienti in quel momento. ;)

Buona lettura anche a te che hai deciso di fare un grande regalo a tuo figlio per tutta la vita:
permettendogli di mangiare secondo le sue necessità e non secondo una tabella di calorie! :)

I nostri piccoli bimbi hanno un ottimo istinto di autoregolazione, gli obblighi non fanno altro che rovinarlo.
Cresciamo con loro ma sopratutto fidiamoci di loro.

Il Mio Bambino non mi Mangia Il Mio Bambino non mi Mangia

 

Consigli per prevenire e risolvere il problema

Carlos González

Compralo su il Giardino dei Libri

La madre si prepara a dare da mangiare a suo figlio mentre lo distrae con un giocattolo. Lei prende un cucchiaio e lui, subito, predispone il suo piano strategico contro l’eccesso di cibo: la prima linea di difesa consiste nel chiudere la bocca e girare la testa. La madre preoccupata insiste con il cucchiaio. Il bambino si ritira allora nella seconda trincea: apre la bocca e lascia che gli mettano qualsiasi cosa, però non la inghiotte. I liquidi e i passati gocciolano spettacolarmente attraverso la fessura della sua bocca e la carne si trasforma in un’immensa palla.

Questa situazione, più caratteristica di un campo di battaglia che di un’attività quotidiana, illustra con umorismo la tesi centrale di questo libro: l’inappetenza è un problema di equilibrio tra quello che un bambino mangia e quello che sua madre si aspetta che mangi. Mai obbligarlo. Non promettere regali, non dare stimolanti dell’appetito, né castighi.Il bambino conosce molto bene ciò di cui ha bisogno.

Le mamme impareranno a riconoscere:

  • l’importanza dell’allattamento al seno;
  • quello che non bisogna fare all’ora dei pasti;
  • i luoghi comuni e i falsi miti legati allo svezzamento…
  • e soprattutto a rispettare le preferenze e le necessità del loro bambino.

Con prefazione de La Leche League (Lega per l’Allattamento Materno)



Articoli collegati
Ott 06

mente-meditazione-fare-i-conti-in-famiglia

Una sera, mentre la mamma preparava la cena, il figlio undicenne si presentò in cucina con un foglietto in mano.
Con aria stranamente ufficiale il bambino porse il pezzo di carta alla mamma, che si asciugò le mani col grembiule e lesse quanto vi era scritto:
“Per aver strappato le erbacce dal vialetto: Euro 3.
Per aver ordinato la mia cameretta: Euro 5.
Per essere andato a comperare il latte: Euro 0,50.
Per aver badato alla sorellina (tre pomeriggi): Euro 9.
Per aver preso due volte “ottimo” a scuola: Euro 5.
Per aver portato fuori l’immondizia tutte le sere: Euro 4.
Totale: Euro 26,50.

La mamma fissò il foglio negli occhi, teneramente. La sua mente si affollò di ricordi.
Prese una biro e, sul retro del foglietto, scrisse:
“Per averti portato nel grembo 9 mesi: Euro 0.
Per tutte le notti passate a vegliarti quando eri ammalato: Euro 0.
Per tutte le volte che ti ho cullato quando eri triste: Euro 0.
Per tutte le volte che ho asciugato le tue lacrime: Euro 0.
Per tutto quello che ti ho insegnato, giorno dopo giorno: Euro 0.
Per tutte le colazioni, i pranzi, le merende, le cene e i panini che ti ho preparato : Euro 0.
Per la vita che ti do ogni giorno: Euro 0.
Totale: Euro 0.

Quando ebbe terminato, sorridendo la mamma diede il foglietto al figlio.
Quando il bambino ebbe finito di leggere ciò che la mamma aveva scritto, due lacrimoni fecero capolino nei suoi occhi.
Girò il foglio e sul suo conto scrisse: “Pagato”.
Poi saltò al collo della madre e la sommerse di baci.

“Quando nei rapporti personali e familiari si cominciano a fare i conti, è tutto finito.
L’amore è gratuito. O non è amore.”

Mio Figlio è un Mito Mio Figlio è un Mito

 

Liberare l’infanzia dai luoghi comuni

 

Gianluca Daffi

Compralo su il Giardino dei Libri

Questo libro è rivolto a tutti coloro che vogliono liberarsi dei miti ricorrenti, per vivere serenamente la relazione unica e irripetibile con il proprio bambino. La strada suggerita indica, piuttosto, nei riti uno strumento attraverso il quale introdurre delicatamente il bambino nella dimensione delle regole del suo ambiente di riferimento. I riti, e non i miti, come metodo per aiutare i bambini ad apprendere le regole.

Ogni bambino nasce in un mito. No, non quelli della Grecia con tanti dei ed eroi. Ma quelli che hanno in testa papà e mamma, quando viene al mondo. Sono tutte le credenze che, presi dall’amore per i propri figli, hanno “visto alla Tv”, “letto sui giornali”, “sentito dal professor tal dei tali”. Sono tanti i miti che mamma e papà prendono per buoni, alcuni ridicoli e innocui, altri fonte di preoccupazione. Infatti, il mito diventa un metro indiscutibile con il quale si misura lo scarto dalla “normalità” del proprio bambino.

Questo testo, attraverso storie tipo e un vasto corredo di “consigli utili”, si rivolge sia a genitori che a insegnanti di bambini dai 6 mesi ai 6 anni. I genitori vi troveranno molti spunti di riflessione e rassicurazione per evitare di cadere nelle trappole del “comportamento normale”. Gli insegnanti vi troveranno sia una utile mappa dei problemi che affliggono i genitori dei bimbi che frequentano il loro nido/scuola materna, sia un completo repertorio di semplici consigli da suggerire a mamma e papà che, come accade regolarmente, cercano aiuto nell’insegnante per comprendere il comportamento dei loro piccoli.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio