Mar 16

Massaggi che parlano al cuore

«Come l’aurora boreale vibra nel cielo notturno,
così reagisce la nostra energia vitale, emana luce
e si muove nel campo di energia della mano che ci tocca.
Un contatto può farci stare nuovamente bene,
e dare nuovo impulso alla nostra energia vitale

Per nove mesi, un bambino, è coccolato e cullato al caldo dentro il pancione e rassicurato dai suoni interni come il battito del cuore, lo stomaco e le voci della mamma e del papà. Alla nascita questo suo piccolo mondo viene stravolto e perde quel rassicurante contatto e contenimento che aveva all’interno del pancione.
Per rendere più sicuro e meno spaventato il bambino dalla conoscenza del mondo è molto utile e bello iniziare a toccarlo.

Margarita Klein, autrice del meraviglioso libro “Massaggi che parlano al cuore” ci insegna l’importanza del tocco.
Nel libro sono infatti spiegate con chiare immagini le fasi di diversi massaggi neonatali, per donare al proprio figlio quelle sensazioni che per nove mesi gli hanno dato sicurezza.
Il contatto è un legame energetico unico tra la vita intrauterina e quella esterna, aiuta la mamma a creare un legame di comunicazione, aiuta a comprendersi e conoscersi in una relazione nuova unica.
I benefici della costanza nel praticare i massaggi al bambino saranno molti, il piccolo sarà più sereno e tranquillo, il sonno sarà più regolare e più lungo oltre ad una serie di sequenze di massaggi utili per aiutarlo in caso di pianti per i nuovi dentini, mal di testa, raffreddore e tosse, asma, oppure potrà essere anche più semplicemente un modo diverso di divertirvi con il bambino con delle storielle create giocando sulla pelle.

“I primi nove mesi della sua vita, il bambino li trascorre cullato nell’abbraccio della mamma.
Poi nasce. E ricerca quell’abbraccio, per stare bene, Per sentirsi al sicuro.”

Molti pensano che massaggiare richieda una grande preparazione, ma in questo caso basta l’amore che ogni mamma e papà hanno per il loro bambino. Scoprite il momento giusto per voi e per lui e dedicate il tempo necessario a questa attività. Non negatevi questi momenti di comunicazione, unici, con il vostro bambino. A volte le faccende domestiche possono essere rimandate, il mondo va avanti lo stesso!

“Un massaggio può essere per voi e per lui un momento
di tranquillità quotidiana per rilassarvi e ritemprarvi insieme.”

L’autrice ci spiega come il massaggio può anche essere un terapeuta famigliare. Sì perchè talvolta i rapporti genitori e figli sono difficili e la comunicazione.
Grazie al massaggio, si può osservare e ascoltare ciò che il bambino vi risponde, ovviamente nella sua lingua, con uno sguardo che vi sembrerà scettico o con un sorriso felice, in entrambi i casi anche se il vostro bambino è ormai cresciutello, tranquillizzatelo, parlategli e descrivete ciò che state facendo, la vostra voce e il vostro tocco gli permetterà di abbandonarsi con fiducia.

“Il contatto da pelle a pelle è come un dialogo intimo:
la pelle può raccontare molto e le mani possono ascoltare e dare risposte”

Non fatevi mancare questi unici e dolci momenti con il vostro bambino, che sia un neonato o già grandicello.
Abbandonatevi l’uno all’altro e il legame tra voi sarà più intenso, date più spazio al contatto fisico e scoprirete fin da subito la profonda efficacia del tocco.
Il massaggio vi permetterà di consolidare la relazione genitori e bambino, un caldo abbraccio, una stretta affettuosa possono esprimere molto più di qualsiasi  discorso.
Un massaggio o una carezza lieve dopo una giornata lunga e faticosa sono un toccasana per tutti.

Con l’augurio di trovare ogni giorno il tempo per massaggi che parlano al cuore, …per massaggi d’amore.

Massaggi che Parlano al Cuore Massaggi che Parlano al Cuore

 

 

Margarita Klein

 

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Il massaggio, praticato prima alla madre durante la gravidanza, e insegnato dopo il parto, consiste in una serie di tocchi delicati e leggeri come «ali di una farfalla». E’ la madre che tocca il proprio bambino, sperimentando direttamente con il piccolo questo tipo di comunicazione profonda. Imparando a massaggiare con attenzione e sensibilità, i genitori migliorano la relazione, profondamente corporea, che «nutre» i propri figli. In questo modo il massaggio può diventare un momento importante della vita quotidiana familiare, un rituale affettuoso per sanare conflitti e tensioni e favorire la comprensione reciproca.

Con un linguaggio chiaro e poetico, Margarita Klein guida i lettori a praticare passo a passo i singoli massaggi nelle diverse situazioni: dalla cura di un neonato e di un bebé, come occasione di gioco e di divertimento attraverso il racconto di «storie sulla pelle», ma anche come pratica in grado di alleviare disturbi psicologici e fisici.

Questo libro è in grado di parlare sia ai genitori che condividano il desiderio di contatto con i figli, sia a lettori più «tecnici» come medici, psicologi infantili, educatori, insegnanti, psicomotricisti, fisioterapisti e operatori del parto.

 



Articoli collegati
Feb 10

Un viaggio interiore unico

Il cammino del nostro viaggio spirituale è interiore e unico per ciascuno.
Maestri saggi possono indicarci la via, ma sta a noi compiere il viaggio.

Procediamo alla nostra velocità e non c’è tabella oraria o scadenza entro la quale raggiungere l’illuminazione.
Regredire a eventi significativi dell’infanzia, al periodo neonatale, o persino a vite passate, può dare considerevole sollievo e beneficio nel presente. Talvolta, anche solo attraverso l’atto di ricordare, vengono eliminati i sintomi. I ricordi possono portare alla comprensione e spesso quest’ultima conduce alla guarigione.
Non devi necessariamente soffrire di una patologia per ricevere i benefici degli esercizi di regressione. Puoi semplicemente riconquistare la felicità, la gioia e la spontaneità dell’infanzia. Puoi persino fare visita alle persone care, e ritrovarvi come quando eravate tutti più giovani.

Ricordando le vite passate, potresti diventare consapevole del fatto che la tua anima, la tua vera essenza, è immortale ed eterna. Hai già vissuto in precedenza, ed eccoti di nuovo qui. Non muori mai veramente, né succede alle persone che ami. Siete sempre insieme, o nell’Aldilà (in paradiso) o di nuovo qui nella dimensione fisica.
Sia che tu abbia sviluppato sintomi e paure, sia che si tratti di semplice curiosità, puoi trarre tantissimi benefici svolgendo l’esercizio di regressione nel CD allegato. In una certa misura, la frustrazione può impedire la guarigione e il processo trasformativo.

Cerca di non aspettarti risultati specifici durante l’esercizio.
Accogli con dolcezza quello che arriva.
Non c’è fretta e non hai una scadenza.
Ci sono persone che sperimentano ricordi vividi o eventi spirituali fin dalla primissima volta; per altre invece ci vogliono giorni, settimane o persino mesi.

Molti benefici matureranno anche in assenza di ricordi.
Basta che ti rilassi il più possibile e apri la mente accogliendo tutto ciò che entra nella tua consapevolezza. Se riesci a esercitarti con pazienza, troverai molta più gioia, pace interiore e comprensione nella tua vita.

[..] Non tutti hanno bisogno di seguire una terapia di regressione alle vite passate; anche se non emergono ricordi relativi a esistenze precedenti, la maggior parte delle persone riesce a trarre grande giovamento dalla semplice esecuzione dell’esercizio. Circa un terzo della gente che lo ha svolto non ha ricordato episodi risalenti a esistenze precedenti. Tuttavia, esso offre altri tipi di guarigione e numerosi benefici. Per esempio, puoi scoprire il potere della respirazione consapevole e i tuoi muscoli sperimenteranno la sensazione di profondo rilassamento e del rilascio delle tensioni. Molte persone mi hanno scritto dicendo che la pratica costante di questo esercizio le ha aiutate a gestire meglio lo stress e le turbolenze della vita quotidiana. Hanno imparato inconsciamente a rilassarsi e a lasciare andare la tensione. Nel corso della giornata, quando si trovano ad affrontare momenti di particolare tensione e stress, respirano automaticamente in modo più profondo per calmarsi e concentrarsi.

I medici sanno bene che lo stress e l’ansia possono indebolire il sistema immunitario, quindi la pace interiore raggiunta con questo esercizio è un prezioso beneficio a tutto vantaggio della salute. Inoltre, essa permette all’amore di scorrere liberamente, ed è risaputo che ciò aiuta a prevenire le malattie.
Il sistema immunitario delle persone innamorate funziona in modo ottimale.

di Brian Weiss – da Lo Specchio del Tempo

Lo Specchio del Tempo - Brian Weiss Lo Specchio del Tempo

 

Contiene CD Audio con regressione alle vite passate

Brian Weiss

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Lo Specchio del Tempo” di Brian Weiss contiene esercizi di regressione alle vite passate che, insieme al CD Audio allegato, sono preziosi strumenti per trovare la soluzione ai nostri problemi e per scoprire l’origine delle passioni che ci animano e dei nostri interessi.

Attraverso il ricordo delle vite passate, siamo in grado di alleviare i conflitti interiori e di raggiungere il benessere psicofisico ed emotivo, svelando e accettando pienamente la nostra identità.

CD allegato: contiene la regressione guidata alle vite passate e la base musicale per eseguire la regressione in modo autonomo seguendo la trascrizione contenuta nel libro.

Le regressioni non solo ti permettono di affrontare in modo positivo i traumi del passato ma ti portano anche in un profondo stato di rilassamento che apre le porte a nuove possibilità.

Dice testualmente Brian Weiss: “La regressione è affine alla psicoterapia e alla psicoanalisi tradizionale. Quando eventi traumatici sono portati in superficie con la regressione, interpretati e integrati, di solito si osserva un miglioramento clinico. La differenza principale è che la regressione allarga il campo in modo tale che è possibile far emergere ricordi non solo di questa vita, ma anche di altre.”



Articoli collegati
Dic 30

L'arte del cambiamento

«È solo cambiando che puoi rimanere costante. È solo
muovendoti che puoi rimanere dove sei.»
Tony Buzan

Non possiamo non cambiare
Se c’è una costante, una certezza nella vita, questa è il cambiamento.
Un antico detto zen sostiene che non si può entrare nello stesso corso d’acqua due volte. Ogni volta, infatti, le condizioni sono diverse: la temperatura dell’acqua, la flora, la fauna, i microrganismi che compongono quel fiume saranno differenti e ci porteranno ad avere un’esperienza nuova. In altre parole, ogni volta sarà come entrare in un fiume diverso.

Lo stesso avviene nel torrente della vita. Tutto intorno a noi è in continua metamorfosi.
Il corpo umano stesso, ben lungi dall’essere un semplice assemblaggio delle sue parti, è in continua crescita e cambiamento. In ogni attimo attraversa incredibili mutamenti biochimici e biologici tanto che le ultime scoperte della scienza quantistica sostengono che ogni sette anni le sue cellule sono completamente rinnovate.

Cellule, sangue e organi lavorano infatti modificandosi senza sosta per mantenere l’omeostasi, cioè un perfetto equilibrio. In altre parole, per potersi assicurare di rimanere in uno stato di costante salute, il corpo cambia in continuazione. È un meccanismo spontaneo, che in natura avviene senza sosta. E tutti ne abbiamo avuto una diretta esperienza, almeno una volta nella vita, quando siamo entrati in acqua. Che si tratti di un lago, un mare, un fiume o di una semplice piscina, quando siamo nell’acqua alta e i nostri piedi non toccano il fondo, come facciamo a mantenere costante la nostra posizione? Abbiamo bisogno di muoverci.

Paradossalmente, anche solo per rimanere dove siamo, abbiamo bisogno di cambiare, di essere in movimento. E di farlo in maniera coordinata, dando ritmo e direzione alle nostre azioni.

Vivere significa cambiare. Giorno dopo giorno noi cambiamo.
Anche in questo preciso istante, senza che ce ne accorgiamo, stiamo cambiando. Ma in quale direzione? Stiamo muovendoci per mantenere ciò che abbiamo (lavoro, sentimenti, salute)? Per migliorarci? Ci stiamo facendo trascinare dalla corrente? O stiamo andando a fondo?

[..] C’è un antico detto che cerco sempre di tenere in mente e che anche in questa occasione si è rivelato molto utile:
«Se posso cambiare qualcosa, perché preoccuparmi?
E se si tratta di qualcosa che non posso comunque cambiare,
perché preoccuparmi?»

Ricorda: «Se non ti piace qualcosa, cambialo. Se non puoi cambiarlo, cambia il tuo atteggiamento. Non lamentarti.»
Maya Angelou

Tratto da Tutta un’Altra Vita di Lucia Giovannini

Tutta un'Altra Vita Lucia Giovannini Tutta un’Altra VitaCome realizzare i propri sogni vincendo la paura e le emozioni negative

 

Lucia Giovannini

 

Compralo su il Giardino dei Libri

Vuoi avere più tempo, cambiare lavoro, trasferirti altrove? Vuoi cambiare qualcosa nel tuo modo di vivere, di agire, di essere, di relazionarti con gli altri?

Forse anche a te sembra troppo difficile, complicato, irrealizzabile…
Non ce la farai mai, ti dici, non hai abbastanza soldi, tempo, capacità, idee…

Se tutto ciò ti suona familiare questo libro ti aiuterà. Se cerchi una soluzione concreta, se vuoi seguire il cuore, se non sai da che parte cominciare, questo libro parlerà alla tua razionalità e ai tuoi sentimenti, ti mostrerà la strada per assecondare i tuoi desideri, ti darà gli strumenti per scegliere finalmente la vita che vuoi davvero.



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

Mangiar Crudo per Vivere Sani

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Mangiar Crudo per Vivere Sani - Raw Food di René Andreani

Migliora la tua vita

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Metodo - The Tool

Fruttalia

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Fruttalia di Luca Speranza e Silvio Sciurba

Raggiungi la Felicità

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: In compagnia di Spinoza raggiungi la Felicità di Balthasar Thomass

Il Codice della Guarigione

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Codice della Guarigione di Alexander Loyd e Ben Johnson