Nov 24

Mindfulness: i benefici della meditazione per tutti

 

Cos’è la Mindfulness?
Il termine inglese Mindfulness si riferisce ad una tipologia di consapevolezza: la consapevolezza dei propri pensieri, azioni e motivazioni, la consapevolezza del momento presente.. del qui ed ora.
Jon Kabat-Zinn, uno dei suoi pionieri, la definisce in questo modo:

Mindfulness significa prestare attenzione, ma in un modo particolare:
a) con intenzione,
b) al momento presente,
c) in modo non giudicante
”.

L’approccio della Mindfulness deriva dalle tecniche di meditazione delle tradizioni più importanti in materia: Buddismo (con la meditazione Vipassana), Zen, Yoga.

Quello che la contraddistingue è l’intenzione di portare questo tipo di tecniche alla portata della nostra comune esperienza di vita di tutti i giorni.

L’aumentare del contatto con il momento presente ci permette di apre la nostra mente a nuove esperienze e di essere più consapevoli della meravigliosità della vita che abbiamo. Ma non solo.. ci insegna a non rifiutare le esperienze (anche negative) che viviamo, ma ad accettarle, ad accoglierle.

Bob StahlElisha Goldstein, nella loro opera Il Programma Mindfulness hanno creato un metodo testato che, grazie alla Mindfulness, permette di superare l’asnsia, il dolore e il panico.

Grazie a questi insegnamenti riusciremo a capire quali sono le abitudini “sabotanti” che fanno parte della nostra quotidianità e a come sostituirle con altre che, al contrario, possono valorizzare le nostre potenzialità.

 

 

Il Programma Mindfulness - Bob Stahl e Elisha Goldstein Il Programma Mindfulness – Un metodo pratico e clinicamente testato per superare: stress, ansia, panico, depressione, dolore cronico … e altri problemi di salute 

 
Bob StahlElisha Goldstein

 

 

 

Compralo su il Giardino dei Libri

 

 

Dall’introduzione del libro:
Benvenuti ne Il Programma mindfulness in base alla mindfulness. Nel ringraziarvi di aver acquistato il nostro libro, desideriamo affermare con convinzione che, così facendo, vi state assumendo un ruolo attivo nella sfera della vostra salute e del vostro benessere personale. Se state percependo qualche segno di stress, quali ansia, irritabilità, tensioni muscolari, burnout, apatia, irrequietezza, mal di testa, affaticamento, disordini digestivi, difficoltà di concentrazione, preoccupa­zione, superlavoro, abuso di sostanze, fumo, problemi alimentari, disturbi del son­no, o se vi sentite oppressi, questo manuale può esservi di aiuto“.

 

 



Articoli collegati
Dic 09

Respirare bene migliora la vita

Respirare bene migliora la vita

Possiamo dire che il respiro è la stessa vita.

La vita inizia inspirando e termina con una esalazione. Quindi, è possibile immaginarla come un insieme di respiri.

Non molti sono a conoscenza del fatto che in una giornata respiriamo circa 15.000 volte. E’ chiaro, quindi, che un piccolo difetto sulla respirazione viene ripetuto altrettante volte in un giorno.

Anche la mente ed il sistema nervoso sono collegate al respiro. Le preoccupazioni, le ansie, le tensioni, le paure, ad esempio, possono agire sul ritmo respiratorio.

Questo, però, non deve scoraggiare perché vale anche il contrario: partendo dal respiro, possono essere “sistemate” molte, molte cose.

Nella scuola di Yoga, quando inizio un serio addestramento alla respirazione mi armo di un metro da sarto e incomincio a misurare la differenza tra espansione e contrazione della cassa toracica dei miei allievi, sia a livello addominale, sia toracico, sia clavicolare.

Ciò mi permette di capire dove è più debole e maggiormente attaccabile dalla malattia chi mi sta di fronte, e dove l’energia che muove con il soffio viene diretta nel suo corpo.

Alla respirazione di tipo addominale corrisponde la salute della parte bassa del corpo e della relativa vita istintuale, a quella toracica la salute della parte media e della attinente costituzione emotiva, infine a quella alta o clavicolare la parte alta del corpo e l’aspetto intellettivo.

Affinché possiate meglio comprendere “come funzioniamo” vi rendo noto che la donna, per sua propria natura, ha una buona respirazione di tipo toracico-alta, mentre è normalmente carente di quella bassa o addominale.

L’uomo, al contrario, nasce con una buona predisposizione per la respirazione addominale ma è carente nelle altre.

I problemi della donna, infatti, sono soprattutto nella parte bassa del corpo, dove lei è facilmente attaccabile dai problemi (intestino pigro, flebiti, vene varicose, infiammazioni alle ovaie, mestruazioni dolorose ecc.), mentre i problemi cardiaci sono sempre stati una prerogativa dell’uomo (è sempre stato l’uomo a morire d’infarto almeno fino a prima di questo cambiamento di ruoli nella società).

Si ha ragione di ritenere che una respirazione perfetta, cioè attiva su tutti i livelli dell’apparato respiratorio, crei i presupposti per una ottima salute e renda inattaccabili dal male.

 

Respira che ti Passa! - Libro e Audio CD
Tecniche di Respirazione per l’Autoguarigione

 

Per questo motivo, vi segnalo un esercizio che ritengo facilissimo; lo insegno anche ai bambini, ma che è in grado di risvegliare la consapevolezza, e il buon funzionamento di tutti e tre i livelli dell’apparato respiratorio.

Sedetevi sul pavimento, con le gambe incrociate, in posizione comoda. Appoggiate la mano sinistra all’imboccatura dello stomaco e mantenetela ferma. Scendete con la destra davanti all’ombelico ad una distanza di due, tre centimetri dal corpo.

Chiudete gli occhi e iniziate a respirare con calma visualizzando l’aria che scende prima nella parte addominale.

Contemporaneamente incominciate a muovere la mano destra lentamente verso l’alto, sfiorando il corpo e salendo come se seguisse il riempimento progressivo dei polmoni dal basso verso l’alto, fino alle clavicole; fino ad ottenere una saturazione completa.

Trattenete l’aria a polmoni pieni, permettendo alla mano di tornare durante l’apnea al punto di partenza e poi lentamente iniziate a respirare con la mano che ancora si muove dal basso verso l’alto, ricordandovi così di svuotare prima l’addome poi il torace ed infine la parte alta.

Seguite queste istruzioni anche se vi verrebbe voglia di fare il contrario, partendo cioè dall’alto.

Quando la mano destra raggiunge di nuovo le clavicole trattenete il respiro, questa volta a polmoni vuoti, e durante l’apnea spostate ancora la mano giù, davanti all’ombelico, per ricominciare inspirando.

Proseguite nell’esercizio almeno per dieci minuti.

Al termine sdraiatevi sul pavimento e rilassate bene tutto il corpo.

Le punte dei piedi cadono verso l’esterno, il palmo delle mani è orientato verso il soffitto.
Mentre vi riposate visualizzate il flusso dell’inspirazione che partendo da un punto posto 10 – 15 centimetri oltre il capo attraversa il corpo, sia all’interno, sia in superficie e scende fin sotto i piedi.

L’espirazione al contrario va da 10 – 15 centimetri oltre i piedi a oltre il capo.

Con quest’ultima pratica distribuite in modo omogeneo l’energia che avete apportato con gli esercizi di respirazione e vi equilibrate.

A cura di Amadio Bianchi.

 

Contenuti consigliati

Respirazione Olotropica, Teoria e Pratica
Nuove prospettive in terapia e nell’esplorazione del sé

Voto medio su 1 recensioni: Buono

Yoga - Filosofia, Esercizi, Alimentazione, Respirazione
Le Tecniche di Respirazione Yoga
L’arte del Pranayama per assorbire l’energia vitale.
Il Respiro - Libro
Essere in perfetta salute e cobattere lo stress attraverso una respirazione consapevole
La Fonte dell'Eterna Giovinezza
Come vivere in perfetta salute e libertà grazie alla corretta respirazione e alla forza creatrice dei pensieri

Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere

Benessere Yoga per Bambini
Esercizi di respirazione, rilassamento e relazione con gli altri

Contenuti video

Vinci la Costa Rica

Come imparare a studiare meno, studiando meglio

Finalmente è stato pubblicato Studia meno, Studia meglio: la nostra nuova guida dedicata agli studenti di tutte le categorie.

In questo articolo voglio raccontarti come è nata e qual è la “filosofia” che le sta dietro. Se non puoi proprio resistere, puoi scaricarla cliccando qui o sull’immagine sotto.

Come imparare a studiare meno, studiando meglio

Se sei ancora con me, voglio farti una domanda: ti sei mai chiesto perché alcuni hanno successo nello studio, mentre altri falliscono miseramente? È solo una questione di talento? Sei davvero convinto che per riuscire all’università si debba avere un’intelligenza innata?

 

CLICCA QUI PER APPROFONDIRE / ACQUISTARE IL METODO!

 

 



Articoli collegati
Nov 09

Nel silenzio c'è una gioia incredibile.

Nel silenzio c’è una gioia incredibile.

Il silenzio per noi che siamo abituati a vivere in mezzo ai rumori è un’esperienza difficile. Nel silenzio c’è una gioia incredibile.

Il Maestro Yogananda sedeva con alcuni discepoli e discutevano su qual è la causa della sofferenza umana, alcuni dicevano “L’egoismo“, altri dicevano “L’illusione” o “l’incapacità di distinguere tra il bene e il male“, ma il Maestro disse: “La causa dell’infelicità umana è l’incapacità di stare seduti in silenzio da soli“.

A stare nel silenzio l’ego soffre, l’ego è attaccato al rumore, alle paure, l’ego è la limitazione, è la voce che dice: “Non posso“; “Non ce la faccio“, “Ho paura“.

Ogni volta che dobbiamo affrontare qualcosa di nuovo proviamo paura o senso di difficoltà.

Io (Maria Luisa) ho provato paura la prima volta che (da brava yoghina) ho deciso che dovevo fare la doccia fredda. Mi dicevo che non potevo, che faceva freddo, che era inverno, che mi sarei presa un malanno.

Ma poi quando, con la volontà, ho superato quella paura e ho fatto la doccia fredda, ho provato un grande senso di benessere, interno ed esterno.

Così è per la meditazione, si ha paura di abbandonarsi, ma quando lo si fa l’abbandono fa scoprire un piacere molto più grande dei cosiddetti “piaceri della vita“. Abituarsi ad “ascoltare il silenzio” ci porta a sentire la natura, come quando siamo in un bosco, in una foresta e ci concentriamo sul canto degli uccelli, e pian piano arriviamo ad udire la Voce di Dio.

Attraverso il cuore e i “pensieri puri” possiamo sentire tutta la saggezza e l’amore che c’è nel mondo.

La tecnica di meditazione è la scienza per arrivare a “conoscere se stessi“. Noi siamo sempre in comunicazione con i nostri pensieri di limitazione (ho paura, non ce la faccio, ecc.), ma possiamo anche entrare in comunione con i nostri pensieri di unione. “Io e mio Padre siamo una cosa sola“, così disse Gesù, ma non intendeva solo “lui” e Suo Padre, ma tutti noi, tutta l’umanità.

Lo Yoga è l’unione con lo spirito. Lo Yoga armonizza non solo il corpo, ma anche l’individuo con lo spirito infinito. La meditazione avviene quando la mente è calma e il cuore aperto. Se sintonizziamo la radio della mente sulla stazione della tranquillità possiamo entrare in contatto con lo spirito possiamo attingere alle “esperienze pure” che sono oltre ogni movimento.

 

Studia meno, Studia meglio: la nostra nuova guida dedicata agli studenti di tutte le categorie.

Studia meno, Studia meglio: la nostra nuova guida!

 

Cosa sono le “esperienze pure“? Sono ciò che si prova durante la meditazione. Yogananda attingendo alle scritture sacre ne ha individuate 8:

1. PACE: Yogananda dice che la pace è la “cessazione dei conflitti“. Trovare un momento senza conflitto è uno stato piacevole però non è dinamico.

2. SERENITÀ, TRANQUILLITÀ: è il lato dinamico della pace. Si può sperimentare questo stato anche in mezzo ai conflitti. Possiamo trovare questa capacità quando troviamo quel “posto segreto” dentro di noi. Quando lo sviluppiamo bene possiamo trovare serenità anche in mezzo al conflitto o in mezzo alle crisi.

3. AMORE INCONDIZIONATO: attraverso la meditazione sperimentiamo con l’intuizione la verità dell’Amore. Noi normalmente proviamo e conosciamo l’amore “a condizione” (ti amo se… ti amo quando…), però Dio ci ama comunque e sempre, anche se non ne siamo degni. Questo è l’amore “senza condizioni“.

4. SAGGEZZA: viene quando siamo in sintonia con il silenzio universale. Nell’etere esiste tutta la saggezza, e tutta la conoscenza del passato e del futuro. In meditazione profonda possiamo acquisire la saggezza. Mettendoci in comunicazione con la nostra parte divina possiamo chiedere: “Qual è il mio prossimo passo nella vita? Che cosa è meglio fare per me e per il mio piano di vita in questa situazione?“. E possiamo attendere la risposta. La risposta può giungerci durante la meditazione stessa o nei giorni seguenti, tramite una persona, un libro, un messaggio, ma di sicuro ci viene data.

5. LUCE: Dio non ha forma, Dio è coscienza, possiamo sperimentare questa coscienza come luce.

6. SUONO: Possiamo sentire Dio come Suono cosmico di “OM“.

7. POTENZA: il Divino è forte. Se noi ci basiamo sui nostri corpi ci sentiremo deboli e “vittime” di situazioni e persone, ma se ci appoggiamo a Dio possiamo sentire una grande forza in noi e trasformare tutta la nostra vita.

8. GIOIA: l’esperienza della gioia la proviamo quando sentiamo la nostra anima che si innalza leggera e si espande (come un palloncino che vola verso l’alto).

Queste sono le “esperienze pure” che non possiamo avere se la nostra mente è agitata.

Fonte: http://www.viviamoinpositivo.org

 

Contenuti consigliati

La Via del Silenzio - Libro
Dei Padri del Deserto
Ebook - Maestro Silenzio
Storie ed esperienza sull’ascolto del suono più importante
Ascolta il Silenzio - CD
Viaggio al centro dell’universo

Voto medio su 1 recensioni: Mediocre

Il Silenzio Interiore
Meditazioni
I Doni del Silenzio
Riscoprire il piacere del silenzio per vivere ogni istante della vita con più calma e serenità
Lo Spirito del Silenzio
Dare spazio alla creatività

Contenuti video



Articoli collegati

Iscrizione alla newsletter

CLICCA QUI per iscriverti al sito e alla newsletter!
Iscrizione alla Newsletter
Potrai scaricare da subito tutte le risorse dell'area OMAGGI

Studia meno, Studia meglio!

Studia meno, Studia meglio

Soluzioni rapide e pratiche

Soluzioni rapide e pratiche

Segui il sito su facebook

I nostri consigli per la lettura

The China Study - Le Ricette

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: The China Study - Le Ricette

RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: RQI - Il Segreto dell'Auto-Star-Bene

Il Programma Mindfulness

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Programma Mindfulness

Ho Imparato a Ridere

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Ho Imparato a Ridere

Le Parole per Crescere Tuo Figlio

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Parole per Crescere Tuo Figlio